A Roma, Torino e in Sicilia torna l’obbligo di indossare le mascherine all’aperto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Da oggi scatta l'obbligo di indossare le mascherine all'aperto in Sicilia e a Torino, mentre a Roma l'ordinanza entrerà in vigore sabato

In Italia si moltiplicano le ordinanze che introducono l’obbligo di mascherina all’aperto per tentare di contenere la diffusione di Covid-19, in vista delle festività natalizie. In Sicilia e a Torino i provvedimenti entrano in vigore già da oggi 2 dicembre, mentre nella capitale da sabato.

Le nuove restrizioni in Sicilia

A partire da oggi sarà obbligatorio indossare la mascherina in tutta la Sicilia nei luoghi pubblici aperti. Potranno evitare di utilizzarla soltanto i bambini al di sotto dei 12 anni. La nuova ordinanza firmata dal Presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci resterà in vigore fino al 31 dicembre e prevede anche ulteriori restrizioni per i voli in arrivo da Sudrafrica, Egitto, Turchia e Israele e tamponi molecolari  per i migranti dopo la quarantena.

Anche nelle grandi città come Roma e Torino scatterà l’obbligo di indossare le mascherine all’aperto, ma solo nelle zone in cui vi sono assembramenti, come le vie delle shopping, dove è possibile garantire il distanziamento sociale.

Obbligo di indossare la mascherina nei luoghi affollati di Roma

Nella capitale l’ordinanza entrerà in vigore a partire dalle 10 di sabato 4 dicembre (fino al 31 dicembre). Saranno esenti dalla restrizione I bambini sotto i 6 anni, le persone con disabilità e chi pratica attività sportiva.

Chiediamo a tutte le romane e i romani di aiutarci. – ha annunciato il sindaco di Roma Roberto Gualtieri – Se poi vedremo che non ci sarà un risultato adeguato, lavoreremo anche ad un’ordinanza per un obbligo indistinto in tutta la città.

Le zone interessate dal provvedimento sono quelle del cosiddetto Tridente, nel centro storico (via del Corso, via di Ripetta, via del Babuino, piazza di San Lorenzo in Lucina, piazza del Parlamento, piazza San Silvestro, largo Chigi, largo Carlo Goldoni, piazza di Spagna, piazza del Popolo, via della Croce, via dei Condotti; via Borgognona e via Frattina) e altre interessate dal flusso dello shopping come via Cola di Rienzo, via Marcantonio Colonna, via Fabio Massimo, piazza Cola di Rienzo, via Ottaviano, viale Giulio Cesare, via Candia e viale Libia. L’amministrazione capitolina ha chiarito che l’obbligo all’uso della mascherina va applicato in modo rigoroso in tutte le zone dove si possono verificare assembramenti e affollamenti (ad esempio luoghi di aggregazione, mercati, mercatini natalizi, fiere ed eventi).

Obbligo di indossare la mascherina nei luoghi affollati di Torino

A Torino l’obbligo di indossare le mascherine all’aperto nei luoghi affollati scatta da oggi 2 dicembre e resterà in vigore fino al 15 gennaio 2022 (salvo proroghe). I luoghi interessati dal provvedimento sono la zona ZTL centrale e dalle 17 alle 6 di mattina: Via Giolitti, Via delle Rosine, ambo i lati, via Po ambo i lati, Piazza Vittorio Veneto, Via Giulia di Barolo ambo i lati; via Verdi ambo lati, Via Roero di Cortanze ambo i lati, Corso San Maurizio, Lungo Po Diaz, Lungo Po Cadorna; zona ricomprendente Corso Regina Margherita, Via Napione ambo i lati, Corso San Maurizio; zona ricomprendente corso Regio Parco, Corso Verona, Lungo Dora Firenze; zona ricomprendente Corso Dante ambo i lati, via Nizza, Corso Vittorio Emanuele II e Corso Massimo d’Azeglio.

Inoltre sarà necessario indossare la mascherina, “nelle aree mercatali e di libero scambio sul territorio cittadino in orario di apertura. In ogni altra area di affluenza (aggregazione/assembramento) individuabile sul territorio cittadino (es. gallerie e centri commerciali, luna park, feste di via, cortei e manifestazioni, fermate dei mezzi di trasporto pubblico, scuole, stadi, ecc.)” si legge nella nota relativa all’ordinanza.

Anche a Torino sono esenti dal provvedimento i bambini al di sotto dei sei anni.

Seguici su TelegramInstagramFacebookTikTokYoutube

Fonti: Comune di Roma/Comune di Torino/Regione Sicilia

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook