Stop a quarantene e obbligo di mascherina FFp2: cosa cambia a scuola dal 1 aprile 2022

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il prossimo 31 marzo finirà lo stato di emergenza. Pertanto cambieranno anche le regole nelle scuole: innanzitutto, non ci sarà più la differenza ora in vigore tra vaccinati e non vaccinati

Non conservare così l'avocado: è pericoloso

Fine dello smart working semplificato, addio al super green pass all’aperto e al super green pass per hotel e mezzi di trasporto e stop a scuola alle quarantene da contatto. Il 31 marzo si concluderà in Italia lo stato di emergenza, ecco cosa cambierà nelle scuole.

Dal 1 aprile e fino al 15 giugno, quando cadrà l’obbligo di vaccinazione per gli over 50, ci sarà di fatto tutta una serie di modifiche, compreso l’addio al sistema dei colori delle Regioni.

Leggi anche: Il Governo italiano dichiara un altro stato di emergenza di 3 mesi per la guerra in Ucraina, ecco cosa significa

In base alle indicazioni fornite dal premier Draghi, da venerdì 1 aprile le scuole resteranno sempre aperte per tutti e si dirà addio alle quarantene da contatto. In più, in aula non sarà più obbligatorio indossare la mascherina Ffp2.

Cosa cambia a scuola dal 1° aprile

Fino al 31 marzo, alle elementari la didattica a distanza e la quarantena ridotta a 5 giorni scatta solo per i non vaccinati, mentre per i vaccinati è prevista solo l’auto-sorveglianza. Dal 1° aprile decadrà questa misura.

Fino a quattro casi di positività – ad oggi – si continuano a seguire le attività didattiche in presenza con mascherina Ffp2 (per dieci giorni) da parte di docenti e alunni con più di 6 anni di età. In presenza di contagiati scatta l’autosorveglianza ed è obbligatorio un test antigenico rapido o autosomministrato (fai da te) o molecolare se si avvertono sintomi. Inoltre, se si ha febbre o tosse è obbligatorio fare un nuovo test al quinto giorno.

Leggi anche: Quarantene nelle scuole: ok a 5 giorni invece di 10, vaccinati non in Dad e infanzia solo dal quinto contagio

Sempre alle elementari se in una classe si contano cinque o più casi restano in presenza (con Ffp2 per 10 giorni) gli alunni con due dosi di vaccino da meno di 120 giorni o è guarito da meno di 120 giorni o ha effettuato la dose di richiamo (o è guarito dal Covid dopo doppia dose di vaccino). Per gli altri (non vaccinati oppure vaccinati o guariti da più di 120 giorni) previste la Ddi e la quarantena per 5 giorni, che cessa in seguito all’esito negativo di un test antigenico rapido o molecolare. Per i successivi 5 giorni è però obbligatorio indossare la mascherina Ffp2.

Dal 1° aprile, invece:

  • fine della didattica da casa per i non vaccinati (quindi non ci saranno più differenze, per tutti si applicano le stesse regole)
  • via le quarantene per chi è stato semplicemente a contatto con un positivo
  • via le mascherine Ffp2 in classe, ma rimane l’obbligo di portare mascherine chirurgiche dai 6 anni in su
  • rimane per ora l’obbligo vaccinale per il personale della scuola. Chi non è vaccinato è in congedo senza stipendio

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook