Nuova variante Xe: sintomi, contagiosità e chi colpisce di più

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nuovo allarme per la variante Xe del Covid-19. Secondo i virologi sono state infettate circa 600 persone fino ad oggi. Scopriamo i sintomi, la contagiosità e come si è diffusa la nuova variante del Coronavirus.

Quanta frutta e verdura dobbiamo mangiare ogni giorno?

Una nuova variante del Covid-19 è stata individuata dagli scienziati. Stiamo parlando di Xe, una variante ricombinata nata da Omicron 1 e 2 di Sars-CoV-2.

Questo è ciò che è stato comunicato dall’agenzia britannica per la Sanità, che al momento sta monitorando con attenzione questa nuovissima e recente mutazione riscontrata ad oggi in 600 persone.

Arnaldo Caruso, presidente della Società italiana di virologia (Siv-Isv), ha dichiarato in un’intervista che:

In questo momento non abbiamo alcun dato per dire che anche in Italia è presente Xe. Infatti, nessun caso è giunto alla nostra osservazione, mentre è stato rilevato qualche caso sporadico di Omicron 3, che non riveste al momento alcun tipo di interesse.

Quindi, al momento questa variante non dovrebbe destare preoccupazione nonostante secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) Xe potrebbe essere il 10% più trasmissibile di Omicron 2.

Ma secondo i virologi questo dato è ancora da confermare, per questo sottolineano che al momento non dovrebbe far paura anche perché alta contagiosità non significa che sia più grave o virulenta.

Secondo quanto riportato Xe sarebbe emersa dal Regno Unito, e nello specifico da un paziente infettato contemporaneamente dai due ceppi principali di Omicron.

Come affermato dalla professoressa Susan Hopkins, dirigente dell’ente britannico Uk Health Security Agency (Ukhsca), agenzia che sta monitorando la variante:

Le varianti ricombinanti non sono un evento insolito in particolare quando ce ne sono diverse in circolazione. Come con altri tipi di varianti, la maggior parte morirà in tempi relativamente brevi.

Inoltre, per quanto riguarda i sintomi di Xe la dottoressa di Susan Hopkins ha anche affermato:

Finora non ci sono prove sufficienti per trarre conclusioni sulla trasmissibilità, sulla gravità o sull’efficacia del vaccino.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok |   Youtube

Sul Covid ti potrebbe interessare:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook