Long Covid: i 6 sintomi più insoliti che durano anche dopo l’infezione (incluso quello al dito del piede)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Covid lungo ha tutta una serie di sintomi che si protraggono anche dopo la guarigione. Scopriamo i 6 segni più insoliti della malattia, come si manifestano e perché persistono anche dopo l'infezione.

Ecco il carrello smart per la spesa

Il Covid ha alcuni sintomi comuni tra cui febbre, tosse persistente e perdita del gusto o dell’olfatto.

Nonostante questi tre siano stati stabiliti come i segni distintivi del virus nei primi giorni della pandemia, molti nuovi sintomi sono stati aggiunti all’elenco poiché sono state scoperte nuove varianti e sottovarianti, come Delta e Omicron.

Quest’ultime, nonostante siano meno aggressive, hanno causato maggiori problemi a lungo termine, che si sono protratti anche dopo la guarigione.

Ogni persona sembra rispondere al Coronavirus in modi diversi. Mentre alcuni manifestano sintomi più comuni come febbre, dolori alle ossa, mal di gola, naso che cola, affaticamento e tosse, altri presentano sintomi insoliti.

Scopriamo i 6 sintomi più strani dell’infezione.

(Leggi anche: Long Covid: i sintomi ciclici che possono andare e venire per mesi dopo l’infezione)

Palpitazioni

Un sintomo del Covid, che può sovrapporsi ad altre condizioni mediche sono le palpitazioni, dovute alla febbre o all’infiammazione.

Alcune persone riferiscono palpitazioni o il cuore che batte più velocemente, anche dopo che l’infezione iniziale è passata. Per alcune persone questo sintomo è anche segno di un Covid lungo.

Perdita dell’udito

Uno studio della Stanford University ha scoperto che la variante Omicron potrebbe causare problemi all’orecchio.

Alcuni sintomi segnalati dai ricercatori includono forte mal d’orecchi, intorpidimento dell’orecchio e persino perdita dell’udito temporanea, che persiste anche dopo che l’infezione è passata.

Dita dei piedi

Il dito del piede con Covid è una condizione della pelle associata a gonfiore, protuberanze simili a vesciche o scolorimento delle dita dei piedi. Sebbene possa essere indolore per alcuni, altri hanno segnalato prurito con vesciche gonfie.

Caduta dei capelli

La caduta dei capelli è un sintomo del Covid, che si manifesta mesi dopo l’infezione. Succede perché i follicoli piliferi sono sovrastimolati durante l’infezione.

Di solito questo sintomo sembra migliorare da tre a sei mesi dopo la malattia.

Problemi alle corde vocali

Gli studi hanno scoperto che c’è una connessione tra Covid e la mobilità delle corde vocali. A volte nei pazienti si verificano cambiamenti della voce, aumentando la possibilità di paralisi delle corde vocali a causa di danni ai nervi periferici.

Un’altra possibilità durante l’infezione è una lesione al nervo vago, che controlla la voce, la deglutizione, la respirazione e la tosse. Se il nervo vago non funziona correttamente può manifestarsi anche come mancanza di respiro con o senza tosse.

Delirio

La nebbia o la confusione del cervello sono state stabilite come un sintomo del virus, così come del lungo Covid.

Tuttavia, una forma più grave di confusione come il delirio, che può essere accompagnato da vivide allucinazioni e persino paranoia, è più comune tra le persone anziane contagiate.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok |   Youtube

Sul Covid ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook