Dall’obbligo vaccinale alle nuove norme sulla scuola: tutti i nuovi provvedimenti anti-Covid del Governo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ecco tutte le misure disposte dal Governo contro il Covid-19 - dall'obbligo vaccinale per gli over 50 alle nuove regole per le scuole

Ecco tutte le misure disposte dal Governo per contrastare il dilagare dell’epidemia da Covid-19 – dall’obbligo vaccinale per gli over 50 alle nuove regole per le scuole

Dopo un lungo ed intenso pomeriggio di dibattito fra le forze di maggioranza e con i governatori delle regioni, nella tarda serata di ieri – alla fine del Consiglio dei Ministri – sono stati finalmente diffusi i dettagli della nuova stretta su green pass e obbligo vaccinale proposta dal Governo per cercare di arginare il dilagare dei contagi da Coronavirus: solo ieri si sono registrati quasi 190.000 nuovi positivi e 231 decessi, mentre la pressione sugli ospedali continua a crescere. Il CdM ha quindi approvato un nuovo decreto legge contenente nuove misure di contenimento dell’epidemia, volte a rallentare la crescita della curva dei contagi e a fornire maggiore protezione a quelle fasce della popolazione più deboli che maggiormente rischiano l’ospedalizzazione. L’attenzione del Governo si è concentrata in modo particolare nei luoghi di lavoro e nelle scuole, dove maggiore è la possibilità di diffusione del virus. Ecco nel dettaglio tutti i provvedimenti approvati.

Vaccini

Approvato all’unanimità l’obbligo vaccinale per tutti gli over 50, indipendentemente dalla professione esercitata – diversamente dalle disposizioni finora in vigore, che imponevano la vaccinazione obbligatoria solo ad alcune categorie professionali (medici e personale sanitario, docenti e personale scolastico, forze dell’ordine). A partire dal prossimo 15 febbraio, per tutti i lavoratori pubblici e privati di età superiore ai 50 anni sarà obbligatorio esibire un green pass rafforzato (ovvero ottenuto con la vaccinazione o la guarigione dal Covid) per accedere al luogo di lavoro. Inoltre, è prevista un’estensione dell’obbligo vaccinale anche a tutto il personale universitario (senza limiti di età), che viene così equiparato al personale scolastico.

Green pass

Sarà necessario esibire almeno un green pass base (ovvero ottenibile con un test antigenico, rapido o molecolare) per poter accedere a negozi e attività commerciali non essenziali, servizi alla persona, uffici pubblici (posta, banca, pubblica amministrazione). L’accesso resterà libero da restrizioni solo per supermercati e altri esercizi commerciali volti a soddisfare esigenze essenziali (farmacie, tabacchi…).

Smart working                                                                            

A causa dell’aumento vertiginoso dei positivi – dovuto anche alla diffusione della variante omicron, particolarmente contagiosa – il Consiglio dei Ministri ha emesso una circolare rivolta alla pubblica amministrazione e alle imprese private in cui si raccomanda il massimo utilizzo possibile della modalità di lavoro “agile” (il cosiddetto smart working), per evitare assembramenti sui luoghi di lavoro e contenere così il numero dei nuovi contagiati.

Scuola

In tema di scuola, per mantenere il più possibile la didattica in presenza e garantire agli studenti la fruizione di un’istruzione continuativa e in sicurezza, il Governo ha disposto nuove norme in caso di presenza di alunni positivi in classe:

  • Nelle classi di scuola materna, basta un solo alunno positivo per sospendere le attività scolastiche per una durata di dieci giorni.
  • Nella scuola elementare, con un caso positivo in classe sarà effettuato uno screening dell’intera classe (ripetuto poi dopo cinque giorni). In presenza di due o più positivi, invece, sarà attivata la modalità di didattica a distanza per una durata di dieci giorni.
  • Anche nelle scuole secondarie di I e di II grado, i provvedimenti cambiano a seconda del numero di alunni positivi presenti in una classe: con un solo alunno contagiato è prevista l’auto-sorveglianza e l’uso delle mascherine FFP2 da parte di tutti gli studenti; con due casi è prevista la didattica mista – a distanza per coloro che hanno concluso il ciclo vaccinale primario (due dosi di vaccino) o che sono guariti dal Covid da più di 4 mesi e che non hanno ancora avuto la dose di richiamo, in presenza per tutti gli altri; didattica a distanza per tutti, per una durata di dieci giorni, a partire da tre positivi nella stessa classe.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Governo Italiano

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook