Coronavirus, l’Italia è in trincea: chiusa la Lombardia e altre 11 province

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Chiudere completamente la Lombardia e altre 11 province considerate come zona rossa, il nvuovo decreto per fronteggiare il coronavirus in Italia

Chiudere completamente la Lombardia e altre 11 province considerate come zona rossa. Per ora è una bozza, ma nelle prossime ore ci sono tutti i presupposti perché il nuovo decreto del governo diventi ufficiale.

Estesa la zona nel nuovo decreto del governo. Spostamenti bloccati e permessi solo in caso di emergenza. Chiuse palestre, piscine e centri benessere, musei, centri culturali, cinema, teatri e stazioni sciistiche. Centri commerciali aperti solo dal lunedì al venerdì e chiusi ne weekend.

In queste stesse aree le scuole saranno chiuse fino al 3 aprile. Divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena ovvero risultati positivi al virus.

Sono sospese le cerimonie civili e religiose, comprese quelle funebri. Sospese anche tutte le manifestazioni organizzate, nonché gli eventi in luogo pubblico o privato, compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico.

Misure drastiche quelle intraprese dal Governo per fare fronte all’epidemia del Coronavirus che non accenna a placarsi. Anzi.

Le province colpite dal Dpcm, oltre a tutte quelle lombarde, sono Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini in Emilia Romagna, Pesaro e Urbino nelle Marche, Venezia, Padova, Treviso in Veneto, Asti e Alessandria in Piemonte.

Qui agli abitanti è raccomandato di non entrare o uscire, di restare in casa tranne che per emergenze o per essenziali necessità lavorative.

Attualmente sarebbe in corso una riunione in Regione Lombardia per mettere sul piatto del Governo delle controproposte.

La notizia dei provvedimenti sta scatenando un’ondata di consenso trasversale suo social da parte dei cittadini che ora più che mai hanno bisogno di sentirsi al sicuro e tutelati. I primi commenti a caldo parlano di azioni necessarie e indispensabili per proteggere il resto d ‘Italia. E il sistema sanitario, che non reggerebbe ancora a lungo.

Qui potrete scaricare la bozza del decreto.

Fonte: Adnkronos

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Per suggerimenti, storie o comunicati puoi contattare la redazione all'indirizzo redazione@greenme.it

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook