Vlt: arriva dal sud il tram ecologico di ultima generazione

tram

Attraversano le città da oltre un secolo. Lenti, sornioni, con il loro inconfondibile rumore stridente. In alcuni casi, come a Lisbona, sono il simbolo della città stessa. In altri, come invece ad Amsterdam, sono i padroni incontrastati delle strade e dei canali. In tutti i casi, in Italia come in Europa, i tram rappresentano, già da ora, una delle soluzioni più concrete e meno inquinanti alla mobilità urbana.

In un futuro prossimo, però, diventeranno ancora più efficienti ed ecologici. Sono attualmente in fase di progettazione e produzione, infatti, i VLT, tram ecologici di ultima generazione in grado di garantire un maggiore risparmio energetico. Merito della nuova tecnologia di trazione messa a punto da Firema, in grado di  risparmiare energia e ridurre i consumi, soprattutto in frenata, grazie alla maggiore flessibilità raggiunta.

I nuovi tram, che risparmieranno anche nella manutenzione, saranno dotati, inoltre di sistemi di informazione ed orientamento per l’utenza che ne garantiranno la massima affidabilità, limitando al minimo i disservizi ai cittadini.  I Vlt  sono stati presentati oggi dalla stessa azienda casertana produttrice, all’interno del convegno promosso da Asstra sull‘innovazione del trasporto pubblico locale, in corso in questi giorni a Napoli e saranno consegnati alla Regione Campania tra la fine del 2011 e il 2012.

Simona Falasca (testo e foto)

Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Hello Fish!

Preservare i nostri mari un passo alla volta, a partire dalla stagionalità del pesce

Coop

Natale Green, dal menù ai regali, dalle decorazioni alla tavola, la guida per le feste

Coop

Mini-muffin al cioccolato serviti e cotti nella buccia di clementine

Seguici su Instagram
seguici su Facebook