Ticket Crossing: quando anche il biglietto dell’autobusin condivisione (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Avete mai sentito parlare di Ticket Crossing? Anche in Italia iniziano a vedersi negli ultimi anni alle fermate dei bus i cartelli che invitano i viaggiatori a condividere con altri utenti i propri biglietti non scaduti. L’idea è semplice: proprio come per il bookcrossing con i libri, i titoli di viaggio si cedono gratis a chi deve prendere un mezzo pubblico dopo di noi.

Tutti possono diventare promotori dell’iniziativa, in voga da tempo nelle principali città europee e che qui da noi ha avuto il sostegno soprattutto dei collettivi studenteschi. Basta attrezzare una scatola, una bottiglia di plastica o qualsiasi altro contenitore per raccogliere i biglietti e attaccare un cartello esplicativo che inviti chi scende dall’autobus a lasciare il proprio biglietto a tempo per chi deve salire.

Ecco come realizzare un ticket crossing point nei pressi della scuola, dell’ufficio o di casa e sollecitare gli utenti a non sprecare i biglietti ancora in corso di validità una volta terminata la corsa. Diventare un ticket crosser è semplice, divertente e solidale. Chi ha obliterato il biglietto e lo utilizza solamente per una parte del tempo, potrà lasciarlo all’interno delle cassette del ticket crossing e condividerlo con un altro passeggero.

ticket crossing

ticket crossing2

Sarà anche per questo che oggi nelle città italiane è possibile imbattersi sempre più spesso in questi messaggi, da Milano a Roma, da Torino a Bologna. Spesso si tratta di iniziative intraprese con lo specifico scopo di protestare contro l’aumento del prezzo dei trasporti. Ma le aziende che gestiscono i mezzi pubblici sembrano tollerare il fenomeno, anche se alcune di loro emettono titoli di viaggio non cedibili e strettamente personali, rendendo di fatto illegale il ticket crossing.

Ma, diciamoci la verità, meglio condividere il biglietto che avere viaggiatori che non lo pagano affatto e non possono permetterselo…

Roberta Ragni

Leggi anche:

Vecchie cabine telefoniche diventano mini-librerie per il book-crossing

Bookcrossing per bambini: lo scambio che dà senso ai libri

Little free libraries: un oblo’ giallo per il bookcrossing nel cuore di

Bookcrossing: a Berlino i libri germogliano dagli alberi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook