Solar Jet: acqua e Co2 per il cherosene “solare” del futuro?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cherosene da fonti rinnovabili? È quasi realtà. Per fare un carburante ci vorranno acqua e anidride carbonica. Un cherosene “rinnovabile”, insomma, col quale presto voleranno gli aeroplani. Si chiama Solar-Jet il progetto europeo con cui alcuni ricercatori hanno per la prima volta realizzato tutta la catena di produzione di un “cherosene solare“.

La sua fonte di energia? Luce concentrata. E ad altissima temperatura.

Il progetto, finanziato dalla Commissione con 2,2 milioni di euro, è ancora in fase di sperimentazione. Finora è stato prodotto soltanto un bicchiere del primo carboturbo “solare” al mondo, in condizioni di laboratorio e con luce solare simulata. In ogni caso, pare che i risultati facciano sperare che in futuro sia possibile produrre idrocarburi liquidi a partire da luce solare, acqua e anidride carbonica.

Questa tecnologia significaafferma Máire Geoghegan-Quinn, Commissaria europea per la ricerca, l’innovazione e la scienza – che un giorno potremmo produrre carburante pulito e in abbondanza per aerei, automobili e altri mezzi di trasporto, contribuendo quindi a incrementare notevolmente la sicurezza dell’energia e a trasformare uno dei principali gas a effetto serra responsabili del riscaldamento globale in una risorsa utile“.

cherosene solare

L’esperimento – Nella prima fase delle prove è stata usata luce concentrata simulando quella solare con l’obiettivo di convertire l’anidride carbonica e l’acqua in un gas di sintesi (il “syngas“, una miscela di idrogeno e monossido di carbonio) all’interno di un reattore solare ad alta temperatura contenente materiali a base di ossidi metallici (sviluppati all’ETH di Zurigo). Il syngas è stato poi convertito in cherosene attraverso il cosiddetto processo “Fischer-Tropsch”, un metodo che produce combustibili già certificati, che sono utilizzati da veicoli e aeromobili attualmente in circolazione senza bisogno di modifiche al motore o all’infrastruttura per il combustibile.

Questo progettodichiara il Dr. Andreas Sizmann, il coordinatore del programma – rappresenta un passo importante verso combustibili realmente sostenibili con materie prime virtualmente illimitate in futuro“.

SOLAR-JET (Solar chemical reactor demonstration and Optimization for Long-term Availability of Renewable JETfuel) è stato lanciato nel giugno 2011 e sta ricevendo il sostegno finanziario dell’Unione Europea nell’ambito del 7° Programma Quadro di ricerca e sviluppo tecnologico, per una durata di quattro anni. Nella prossima fase del progetto, i partner dovranna ottimizzare il reattore solare e valutare il potenziale tecnico-economico di applicazione su scala industriale.

Germana Carillo

TITOLO: Cherosene solare: il primo creato con acqua e Co2

LEGGI anche:

Dall’US Navy il carburante prodotto dall’acqua di mare

Carburanti dall’anidride carbonica grazie ad un microbo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook