La Germania taglia i prezzi dei biglietti in treno (e aumenta quelli dei voli) per contrastare le emissioni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Chi viaggia in treno in Germania ha un motivo in più per festeggiare il nuovo anno: la compagnia ferroviaria nazionale Deutsche Bahn riduce il prezzo dei biglietti per contrastare l’emergenza climatica e l’emissione di C02 nell’atmosfera.

Era già stato annunciato dal governo, il 2020 sarebbe stato l’anno di svolta sul piano della sostenibilità dei trasporti. Introducendo tariffe aggiuntive per i voli e diminuendo di fatto il costo dei biglietti ferroviari, di fatto in Germania si vuole incentivare l’uso dei treni per gli spostamenti a lunga percorrenza.

Così per la prima volta dopo quasi vent’anni, i costi stanno diminuendo e il tutto grazie al pacchetto clima che vede la mobilità sostenibile tra le sue voci principali. Il Consiglio dei ministri aveva già ridotto, nel mese di dicembre, l’Iva dal 19% al 7% sui viaggi in treno.

Da mercoledì scorso, invece, chi viaggia per più di 50 km sui treni Intercity Express della Deutsche Bahn ha una riduzione del 10%. La società sta inoltre, riducendo i prezzi per offerte speciali e servizi aggiuntivi, come le tasse per il trasporto di biciclette.

Il capo della compagnia, Richard Lutz, ha dichiarato che Deutsche Bahn non prenderà direttamente alcun profitto dal taglio delle tasse e trasferirà invece i risparmi direttamente agli acquirenti dei biglietti. Così facendo secondo la compagnia ci sarà un aumento dei viaggiatori, arrivando a 5 milioni all’anno.

Il capo del partito di sinistra, Katja Kipping, ha dichiarato che il taglio delle tasse era “atteso da tempo, ma non è ancora abbastanza”.

Kipping ha sollecitato il governo a offrire a ogni cittadino tedesco una BahnCard 50 gratuita, che garantisce sconti fino al 50% sui biglietti già scontati della Deutsche Bahn. La buona notizia però è solo sui viaggi a lunga percorrenza, per le brevi distanze i costi rimarranno invariati e in alcune tratte addirittura aumenteranno del 2,5%.

Il tutto come dicevamo rientra nel pacchetto per il clima, un robusto piano di tutela ambientale che mira a contrastare i cambiamenti climatici e l’immissione di inquinanti nell’atmosfera.
Il piano prevede di puntare sul potenziamento del trasporto ferroviario, investendo la maggior parte dei fondi promessi nelle infrastrutture su rotaia e incentivi, con speciali abbonamenti, per chi utilizza i mezzi pubblici. Sul piano della riduzione delle emissioni di gas serra si punta su energia pulita, solare, eolica o biomassa per arrivare al meno 40%, dato finora disatteso visto che c’è stato un taglio solo di un terzo.

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook