A Parigi arrivano i mini-bus elettrici senza pilota (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mobilità sostenibile e trasporto pubblico driverless: Parigi continua a mettersi in gioco. Dopo la sfida di una intera settimana senza automobili e dei , ora la Ville Lumière si prepara a testare due nuove navette elettriche senza pilota.

Si tratta dei primi minibus 100% elettrici e senza conducente che collegano due delle stazioni più importanti della capitale francese, la Gare d’Austerlitz e la Gare de Lyon, transitando sul ponte Charles-de-Gaulle sulla Senna. Sulle navette possono viaggiare gratuitamente fino a 6 passeggeri e saranno in funzione fino ad aprile.

LEGGI anche: PARIGI: LA NUOVA LEGGE CHE PERMETTE A TUTTI DI COLTIVARE ORTI E GIARDINI IN CITTÀ

I nuovi mini-bus, chiamati EZ10, andranno avanti e indietro su una sola corsia, sette giorni a settimana dalle 14 alle 20. Prodotti dalla società francese EasyMile, procedono a una velocità di 25 chilometri all’ora e utilizzano una combinazione di laser e telecamere che rileva la presenza delle persone e degli oggetti intorno. In pratica, si basano su un sistema di guida autonoma basato sul Gps, ma a bordo c’è comunque un dipendente della Ratp, l’ente autonomo dei trasporti parigini.

minibus 1
minibus 2
minibus 3

I veicoli autonomi rappresentano una rivoluzione per ogni città del pianetasi dichiara fiducioso il vicesindaco Jean-Louis Missika –. Nel corso dei prossimi 20 anni essi cambieranno il nostro ambiente urbano e lo spazio pubblico”.

Per ora è soltanto un esperimento, sottolineano gli esperti. In questi tre mesi saranno raccolte le informazioni su prestazioni e affidabilità, oltre alle opinioni e ai suggerimenti dei passeggeri, di questi mini-bus driverless che, tra l’altro, sono già stati testati su circuiti protetti in Olanda, Giappone, Singapore e California (a Helsinki EasyMile li ha testati anche su strada).

minibus 4

Altri esperimenti saranno poi condotti nei mesi successivi, tra il castello di Vincennes e il giardino del Bois di Vincennes, e all’interno del Cea di Saclay, il centro di ricerca sull’energia atomica.

LEGGI anche: LA FRANCIA PAGA CHI VA A LAVORO IN BICI: 25 CENTESIMI A KM

Una bella scommessa, insomma, per una capitale tra le più inquinate d’Europa. Queste navette driverless potrebbero aiutare la città a decongestionare il traffico in alcune zone più calde, ma è ancora ben lontano una loro totale adozione su tutte le linee urbane.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Cristalfarma

Meteorismo e pancia gonfia? Migliora la tua digestione con l’alimentazione e non solo…

Carnitina

Benefici, controindicazioni e quando è consigliato assumerla

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook