A Firenze mezzi pubblici gratis per gli studenti universitari. È la prima città a farlo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli studenti universitari di Firenze viaggeranno gratis sui mezzi pubblici. Comune, Ateneo e Regione hanno appena annunciato la novità che sarà valida dal prossimo anno accademico.

Studenti e studentesse infatti avranno il costo dell’abbonamento incluso nelle tasse universitarie. Dal 1° novembre 2018 al 31 ottobre 2019, in via sperimentale la “Carta dello studente universitario” sarà considerata anche come titolo di viaggio per tutti i mezzi pubblici urbani dell’area fiorentina.

Grazie ad un accordo sottoscritto da Regione Toscana, Comune di Firenze, Università degli studi di Firenze, Azienda regionale per il diritto allo studio universitario (ARDSU) e One Scarl, da novembre la Carta che già garantisce una serie di agevolazioni (mensa universitaria, accesso gratuito ai musei regionali, biglietti a prezzi scontati per concerti e teatri di prosa) permetterà di spostarsi coi mezzi pubblici senza sborsare un euro.

In realtà, un costo ci sarà ma minimo. Sarà pari a 48 euro e servirà a usufruire del pacchetto di servizi “Mobilità Sostenibile, Cultura, Salute” dell’Università. Fa eccezione chi è vincitore di borsa di studio per il quale sarà totalmente gratuito. Al controllore che sale sul bus basterà dunque mostrare la Carta dello studente.

La volontà è fornire a chi studia a Firenze strumenti nuovi e convenienti per spostarsi in città ‘scoprendo’ il mezzo pubblico ed in particolare le due nuove linee della tramvia (la linea 3, che dovrebbe entrare in servizio tra pochi giorni, e la linea 2, il cui varo è atteso entro la fine dell’estate), strategiche per il collegamento con vari plessi didattici universitarisi legge sul comunicato ufficiale della Regione.

L’idea di permettere agli studenti di spostarsi gratis coi mezzi pubblici è frutto di una richiesta delle associazioni studentesche e il protocollo sottoscritto a Firenze potrà fare da apripista anche per le altre città universitarie toscane.

Di fatto, sono oltre 50.000 gli studenti iscritti all’Università di Firenze che beneficeranno di questo servizio. Il loro utilizzo di bus e tramvia permetterà di ridurre il traffico e anche le emissioni inquinanti legate al trasporto privato. Inoltre, si sta valutando la possibilità di altre agevolazioni per incentivare il bike sharing.

“Questo protocollo consentirà agli studenti universitari in possesso della Carta dello studente dotata di pacchetto ‘Mobilità sostenibile, cultura, salute’ di viaggiare gratis sui mezzi pubblici fiorentiniha spiegato l’assessore regionale con delega ai trasporti Vincenzo Ceccarelli – Credo sia una bellissima opportunità, perché avrà sia valore culturale di sensibilizzazione all’uso del mezzo pubblico, sia valore ambientale visto che aiuterà a decongestionare i flussi di traffico in città. Il nostro auspicio è che si possa estendere anche alle altre università toscane”.

Una bella iniziativa che permetterà anche di ridurre le numerose spese sostenute dagli universitari e dalle loro famiglie.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook