KLM: è partito il primo volo a biocarburante

Gli aerei sempre più sostenibili. Dopo le soluzioni per migliorare l’impatto ambientale del trasporto aereo messe in atto dalla SouthWest Airlines, KLM inaugura ufficialmene i voli a biocarburante.

 

Dall’aeroporto di Schipol è partito qualche giorno fa il primo volo europeo a biokerosene, una miscela composta da un 50% di kerosene e un 50% di biocarburante a base di camelina che ha alimentato uno dei motori del Boeing 747 sul quale hanno volato il Presidente e CEO di KLM Royal Dutch Peter Hartman e Johan van de Gronden, direttore di WWF Olanda, insieme ad altre 40 personalità del mondo politico ed economico.

La compagnia olandese, si conferma, dunque, uno degli operatori più attenti alla sostenibilità ambientale e dopo aver ottenuto insieme alla consociata Air France la prima posizione di settore nel Dow Jones Sustainability Index per il quinto anno consecutivo, fornisce una dimostrazione concreta di come sia possibile diminuire le emissioni nel trasporto aereo utilizzando carburanti alternativi.

KLM_Biocarburanti

È tecnicamente fattibile e lo abbiamo dimostrato – ha detto Hartman -. Governo, industria, e società devono adesso unire le forze per assicurare la disponibilità di biocarburanti al più presto. La catena alimentare non deve però essere penalizzata e la produzione di biokerosene non deve accompagnarsi a deforestazione o ad un consumo eccessivo di acqua, perché la conservazione della biodiversità viene prima di tutto“.

KLM_aereo_biocarburante

Al termine del volo KLM ha annunciato la formazione del consorzio SkyEnergy insieme ai partner North Sea Petroleum e Spring Associates, che punterà a rendere maggiormente disponibili i carburanti alternativi per l’utilizzo in aviazione. Quello partito da Schiphol è stato infatti solo un volo dimostrativo di un’ora, ma che rappresenta comunque un passo in avanti nel tentativo di rendere meno inquinante il trasporto aereo.

Secondo l’associazione Plane Stupid, infatti, ogni biglietto di un volo medio europeo corrisponde a circa 400 kg di CO2, più o meno il peso di un orso polare. Il concetto è riassunto efficacemente nello spot che l’associazione britannica ha realizzato e che vi proponiamo di seguito:

Daniele Pizzo

Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

Coop

L’impegno di Coop nell’emergenza coronavirus

Izanz

Quanti e quali tipi di zanzare esistono in Italia?

Gewiss

Joinon: le nuove colonnine di ricarica smart che si gestiscono via app

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook