Treni: anche i cani di grande taglia potranno viaggiare su Italo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’esilio è finito. Con il patrocinio del Ministero della Salute, dal 2 Novembre anche i cani XXL, quelli di taglia superiore ai 10 chilogrammi, potranno viaggiare sui treni Italo ad Alta Velocità. NTV ha varato, così come annunciato, un nuovo modo di viaggiare per i nostri compagni pelosi anche a 300 chilometri all’ora.

Il nuovo servizio, che è stato studiato e condiviso con Enpa, Lav, Associazione nazionale dei medici veterinari italiani (ANMVI) e Federazione nazionale Ordini veterinari italiani (FNOVI), partirà con una fase sperimentale che durerà fino al 31 gennaio, spiega NTV in una nota. Un lasso di tempo che permetterà di valutare il gradimento dell’iniziativa. I cani a bordo saranno ammessi su tutti i treni dalle 10 alle 16, per evitare gli orari di affollamento mattutini o serali.

Il proprietario dovrà tenere sempre al guinzaglio il proprio cane, portare con sé una museruola rigida o morbida da far indossare nelle fasi di salita e discesa dal treno, o su richiesta del personale NTV, e il certificato di iscrizione all’anagrafe canina. Il nuovo servizio potrà essere prenotato a partire dal 1° novembre, con 24 ore di anticipo sulla data del viaggio, attraverso il Contact Center Pronto Italo (060708). Il prezzo per il trasporto del cane sarà pari al 30% del Biglietto Base o Economy di Smart e Prima (a seconda della disponibilità), e pari a 20 euro, prezzo fisso, qualora il proprietario scelga di viaggiare nel Salotto di Club.

La collaborazione con il Ministero della Salute e le associazioni coinvolte, ha consentito la messa a punto di un’iniziativa che presta la massima attenzione sia al viaggiatore con il cane che all’animale stesso, evitandogli situazioni di stress. Un’occhio di riguardo, però, è stato offerto anche a tutti coloro che non amano la convivenza con i 4 zampe, che, visualizzando la mappa del treno su internet, potranno sapere in quali carrozze e posti sono ammessi gli animali di taglia extralarge.

italo treno cani

“La decisione di Italo rende il nostro un Paese più normale, come la gran parte del resto d’Europa che ha queste regole da decenni – ha detto Gianluca Felicetti, presidente Lav – siamo convinti che il periodo sperimentale sarà positivo e porterà la società a estendere la fascia oraria d’accesso. L’informazione ai clienti e la formazione del personale permetteranno una convivenza serena e comunque ben gestita”.

Anche Carla Rocchi, presidente nazionale Enpa, apprezza “la disponibilità di Italo a trattare gli animali come dei viaggiatori a pieno diritto. I Paesi civili infatti garantiscono a chiunque abbia un biglietto, persona o animale, la sicurezza e il comfort di un viaggio sereno – dichiara la presidente-. Consideriamo un retaggio del passato le situazioni in cui viaggiare con un animale significava affrontare l’incertezza di comportamenti non codificati. Gli animali vivono con noi, devono potersi spostare con noi, fanno insomma parte della nostra vita e chiunque, come Italo, agevoli questo benessere compie un’azione meritoria e corretta, e si pone come esempio di buone pratiche”.

Il viaggio, insomma, finalmente può cominciare, partendo dal “decalogo del buon proprietario”, consultabile qui, con una serie di norme e suggerimenti a cura del Ministero della Salute, e proseguendo, fino a destinazione, a bordo di Italo, dove Fido avrà a disposizione un suo spazio, uno per ogni ambiente di viaggio (Smart, Prima e Club Salotto), comodamente accucciato sul suo tappetino igienizzante, realizzato con polimeri superassorbenti e antiodore, offerto da Italo al proprietario con la borsa I love dog. Finalmente possiamo augurare un buon viaggio a tutti, umani e non umani.

Roberta Ragni

Leggi anche:

Cani anche di grande taglia su Frecce ed Eurostar: Trenitalia firma l’accordo Animal Friendly

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook