L’olio di palma rimane nell’elenco dei biocarburanti: in Francia vincono le lobby dei combustibili

Olio di palma

In Francia l’olio di palma continuerà a essere utilizzato nei biocarburanti, almeno fino al 2016. L’Assemblea nazionale francese ha votato ieri, durante la revisione di bilancio 2020, il rinvio della cancellazione dell’olio di palma dall’elenco dei biocarburanti prevista per il prossimo anni.

La decisione ha reso furiose le associazioni ambientaliste che denunciano “pressioni spudorate da parte di Total“, compagnia petrolifera che produce carburante a base di olio di palma nella bioraffineria La Mède, vicino a Marsiglia.

L’emendamento che proroga l’uso dell’olio di palma ha ricevuto il voto favorevole dei deputati che in questo modo hanno voluto lasciare un periodo sufficiente di stabilità fiscale e normativa per consentire alle compagnie che producono carburanti di adeguarsi.

L’associazione ecologista Les Amis de la Terre ha commentato così la decisione:

“I deputati della maggioranza, con la complicità del governo, si sono appena arresi alla spudorata lobby di Total facendole un regalo fiscale valutato tra i 70 e gli 80 milioni di euro”

“È stato votato di nascosto, è scandaloso, immagino che Total stasera stapperà lo champagne”, ha dichiarato il deputato Matthieu Orphelin.

Secondo Total, consentire l’uso di olio di palma per i combustibili permetta alla compagnia di essere allo stesso livello dei concorrenti europei, che godranno di benefici fiscali per l’utilizzo di olio di palma fino al 2020.

“Una soluzione vantaggiosa per tutti sarebbe che la Francia riesca a convincere i suoi partner europei dismettere l’olio di palma prima, per esempio tra cinque anni, nel 2026 e non nel 2030.
La sfida di Total non è olio di palma, poiché l’impianto di La Mède può funzionare con oli di colza o di girasole “, ha affermato Patrick Pouyanné CEO di Tolal alla fine di ottobre.

Secondo il gruppo petrolifero inoltre, la raffineria tratta 650.000 tonnellate di oli e grassi all’anno e si rifornisce di olio di palma “sostenibile e certificato” fino a 300.000 tonnellate.

Il problema è che le certificazioni relative all’olio di palma non sono affidabili e, di fatto, l’olio di palma sostenibile non esiste.

La produzione di olio di palma utilizzato a scopo alimentare e come biocarburante è la principale causa di deforestazione in Indonesia e nell’ultimo mese ha causato incendi devastanti con conseguenze disastrose per l’ambiente e gli animali.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario Saponi e cosmetici fai da te, "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Hello Fish!

Preservare i nostri mari un passo alla volta, a partire dalla stagionalità del pesce

Salugea

Come fare incetta di vitamina D in inverno per evitare una carenza

Coop

Le bottigliette d’acqua riciclate del Jova Beach Party diventano t-shirt sportive

Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Seguici su Instagram
seguici su Facebook