AAA: cercansi donatori di sangue per il disastro ferroviario di Pioltello

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Emergenza sangue per le vittime del disastro ferroviario accaduto questa mattina a Pioltello (Milano).

L’appello viene dall’Associazione “Amici dell’Ospedale Policlinico e della Mangiagalli Donatori di Sangue” e arriva mentre si fa pesante il bilancio dell’incidente al treno Trenord, con a bordo circa 200 passeggeri (quasi tutti pendolari): ci sono 3 vittime e circa 50 feriti, di cui 5 gravi.

“Come in tutte le situazioni di emergenza abbiamo bisogno prevalentemente dei gruppi 0+ e 0-, ma tutti i gruppi sono indispensabili”, scrive l’associazione.

La situazione è in continua evoluzione e attualmente nessuno è in grado di sapere la consistenza delle richieste di sangue.

Quindi, se siete in buona salute, se non ci sono sospensioni dalla donazione e se sono trascorsi i limiti di legge che devono intercorrere tra una donazione e l’altra (3 mesi per gli uomini e circa 6 mesi per le donne), l’invito è quello di andare a donare il proprio sangue.

Per informazioni, i numeri da contattare sono lo 02.5503.4306/4307

A provocare il disastro sarebbe stato il cedimento di un tratto di rotaia di appena venti centimetri. Un «binario rotto» e «non il cedimento di uno scambio, assolutamente», conferma Vincenzo Macello, responsabile della direzione territoriale di Rfi Lombardia. «Questi cedimenti possono avvenire per tanti motivi ma al momento è prematuro stabilire se questo sia stata la causa o l’effetto del deragliamento».

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook