Cargo bike e treni elettrici per la consegna merci: il coronavirus sta cambiando (in meglio) la logistica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Logistica green: una “lezione”arriva dal coronavirus, che non ha fatto crollare del tutto i consumi, ma deviato i principali canali di vendita: digitalizzazione e consegne a domicilio in primis, che hanno fatto tornare in auge i magazzini a corto raggio. Conseguenza? Consegne cargo bici e, ove complicato, trenini elettrici.

Il coronavirus è stata ed è tuttora una tragedia sanitaria e causa di un’importante crisi economica che ha travolto il mondo intero. Centinaia di migliaia di morti in tutto il mondo (l’Italia ha recentemente superato la soglia dei 35.000) e un lockdown in alcuni Paesi particolarmente severo che ha costretto alla chiusura temporanea molte imprese.

Ma in questa tragedia un po’ la Terra ha respirato: a maggio un crollo del 17% delle emissioni , indotto dalla quarantena forzata, ha reso evidente come ove l’uomo si ferma, il Pianeta torna a vivere.

Purtroppo un po’ ovunque il ritorno alla normalità ha segnato il ritorno a “vecchie normali abitudini”, con fiumi che di blu non hanno più nulla e inquinamento a  livelli pre-crisi.

L’uomo – è vero – non può fermarsi, ma può e deve cambiare strategia per sopravvivere. E sulla logistica forse qualcosa si è mosso.

“La riorganizzazione dei flussi passa attraverso magazzini di prossimità – spiega Massimo Marciani, Presidente del Freight Leaders Council, durante la presentazione del rapporto ‘MobilitAria 2020′, elaborato da Kyoto Club e CNR IIA – ma anche incentivi all’uso dei lockers per non perdere di vista l’obiettivo della sostenibilità ambientale, ridurre lo stress che si riflette sulle città e migliorare la qualità dell’aria”.

Il rapporto ha analizzato gli effetti del periodo di lockdown au Roma, Milano, Torino e Napoli, dove il livello di emissioni e di inquinamento dovuti al settore trasporti hanno segnato, nei mesi di marzo e aprile 2020, una battuta d’arresto, soprattutto sul biossido di azoto (NO2) a Roma (rispetto al 2019 -59% a marzo e-71% ad aprile).

Ma poi, tornati ad una quasi normalità, qualcuno ha cercato anche di riorganizzarsi: il gruppo Bracchi consegna per esempio su mezzi elettrici, un trenino per rifornire i negozi di Zermatt, nelle Alpi svizzere, con software e hi-tech per ottimizzare tutta la catena di fornitura, e cargo bici per i trasporti più brevi.

 “La fase di lockdown ha spinto Bracchi Group a fare nuovi passi avanti in termini di digitalizzazione e innovazione tecnologica – spiega Lamberto Facchinelli, sales manager di Basped – Da sempre investiamo molto nell’ambito IT e questo garantisce al nostro customer service visibilità, tracciabilità, tempestività e disponibilità di informazione per i nostri clienti”.

Una terribile crisi può diventare un’opportunità di cambiamento? Se non ora, quando?

Fonti di riferimento: Kyoto Club / Rapporto ‘MobilitAria 2020 / Massimo Marciani/Facebook / Gruppo Bracchi

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook