Pronto il primo camion al mondo alimentato a idrogeno che circolerà in tutta Europa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Fantascienza fino a poco fa, oggi realtà: circolerà in tutta Europa il primo camion al mondo alimentato con celle a combustibile a idrogeno. La Hyundai Motor Company ha spedito in Svizzera le prime 10 unità della Hyundai XCIENT Fuel Cell, il primo mezzo pesante al mondo con questa alimentazione mai prodotto in serie.

Il camion è alimentato in particolare da un sistema a celle a combustibile a idrogeno da 190 kW con due pile da 95 kW. L’idrogeno viene immagazzinato in sette grandi serbatoi di circa 32,09 kg e il mezzo è in grado di percorrere circa 400 km con una ricarica, con un tempo di rifornimento che va dagli 8 ai 20 minuti. Il veicolo è a emissioni zero in quanto il prodotto della combustione dell’idrogeno è l’acqua (sotto forma di vapore).

La società prevede di spedire in Svizzera un totale di 50 celle in questo 2020, con consegna ai clienti della flotta commerciale a partire da settembre, e di lanciare un totale di 1.600 camion XCIENT entro il 2025.

“XCIENT Fuel Cell è una realtà attuale – precisa In Cheol Lee, Vice Presidente Esecutivo e Direttore della Divisione Veicoli commerciali di Hyundai Motor – non un semplice progetto sul tavolo per un futuro […] La costruzione di un ecosistema globale di idrogeno, in cui le esigenze di trasporto critiche sono soddisfatte da veicoli come XCIENT Fuel Cell, porterà a un cambio di paradigma che rimuove le emissioni automobilistiche dagli equilibri ambientali”.

Del progetto si era parlato già nel 2018, con previsione di inizio, in realtà, a fine 2019. La crisi covid-19 non ha aiutato a rispettare completamente i tempi ma comunque sembra proprio che ora ci siamo.

La compagnia dovrebbe entrare presto in competizione con la Nikola Motor Company che ha annunciato di voler lanciare 2021 Nikola Tre, una motrice destinata al trasporto delle merci su lungo raggio alimentata a batteria, con un’autonomia di quasi 1.000 chilometri, a cui seguiranno dal 2023 il Nikola 1 ed il Nikola 2, due tir alimentati a idrogeno.

Ma non finisce qui.

Hyundai Motor sta infatti sviluppando anche un trattore a lunga distanza in grado di percorrere 1.000 chilometri con una singola ricarica dotato di un sistema di celle a combustibile potenziato con elevata durata e potenza, destinato ai mercati globali tra cui il Nord America e l’Europa.

L’azienda ha scelto la Svizzera come punto di partenza per la sua impresa commerciale per vari motivi, primo tra tutti la tassa di circolazione svizzera sui veicoli commerciali che non si applica ai camion a emissioni zero.

Sarebbe inoltre quasi inutile avere camion a idrogeno se questo non fosse a sua volta prodotto da tecnologie green, ed ecco un altro punto a vantaggio della Svizzera, il paese con una delle quote più alte di energia idroelettrica a livello globale, che può quindi fornire energia verde sufficiente per la produzione di idrogeno.

E in Italia?

Niente paura (per ora): una volta avviato il progetto in Svizzera, Hyundai prevede di estenderlo anche ad altri paesi europei. Ma certo, sarà importante potenziare la rete di colonne di ricarica, altrimenti la diffusione su larga scala sarà decisamente limitata.

Fonti di riferimento: Hyundai Media Center

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook