Bonus trasporti pubblici 2018: come scaricare le spese di bus e treni dal 730

bonus trasporti

Chi sceglie di spostarsi in treno e bus potrà usufruire nel bonus trasporti pubblici 2018. Un piccolo aiuto, volto ad incentivare gli spostamenti coi mezzi pubblici.

Il bonus permette infatti di detrarre dalle imposte il 19% delle spese sostenute per l’acquisto di abbonamenti per il trasporto pubblico locale, regionale e interregionale. La spesa massima detraibile è di 250 euro.

A introdurre il bonus è stata la Legge di Bilancio 2018 che ha così previsto anche queste agevolazioni fiscali a favore dei pendolari.

Requisiti e come richiedere il Bonus trasporti pubblici 2018

Non ci sono limiti o particolari restrizioni. Tutti hanno diritto al bonus. Per ottenerlo basta allegare le ricevute di pagamento del 2018 che documentino l’acquisto degli abbonamenti di treni e autobus, per il trasporto pubblico locale, regionale e interregionale. Esse vanno poi allegate alla dichiarazione dei redditi del 2019 per ottenere la detrazione del 19%. Ciò vale anche per eventuali familiari a carico, sempre con la soglia massima di 250 euro annui.

Nel concreto, se si spendono 250 euro si otterrà una detrazione pari a 47,50.

Le spese detraibili sono gli abbonamenti per i treni del trasporto pubblico locale ma anche per regionali ed interregionali e le tessere dell’autobus per il trasporto pubblico locale, regionale ed interregionale.

Ticket trasporti e lavoratori

Si tratta di una novità che può essere prevista in sede di contrattazione integrativa aziendale di imprese private e organizzazioni pubbliche.

Il ticket prevede che le somme rimborsate o direttamente sostenute dal datore di lavoro per l’acquisto di abbonamenti per il trasporto pubblico locale, regionale e interregionale non concorrano a formare reddito di lavoro dipendente sia del lavoratore che dei familiari a carico.

LEGGI anche:

“Questi incentivi fanno parte del Piano strategico per la mobilità del paese “Connettere l’Italia”, messo in campo dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per favorire un uso più intenso e più conveniente del trasporto pubblico. Il Piano ha infatti messo a disposizione investimenti per superare il gap di collegamenti e servizi rispetto agli altri paesi europei sulla mobilità urbana e locale” si legge sul sito del Ministero dei Trasporti.

Francesca Mancuso

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Hello Fish!

Pesce, ne consumiamo troppo e male. Ecco come fare scelte responsabili

corsi pagamento

seguici su facebook