Coronavirus, sospesi Bollo auto, Tari, Tasi, Imu ed altre tasse regionali: cosa cambia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Crisi coronavirus: il decreto Cura Italia ha disposto diverse misure a sostengo di famiglie imprese, ma con alcuni grandi assenti, tra cui il bollo auto. Così, Regioni e Comuni si sono attivati intervenendo sui territori di loro competenza. Ecco dove.

Il bollo auto, così come Tari, Tasi, Imu, ricadono nelle competenze dei territori, che si sono organizzati per sospendere e/o rinviare pagamenti non trattati dalle disposizioni nazionali. In Emilia Romagna, Piemonte, Lombardia, Veneto, Toscana, Lazio, Marche, Umbria, Friuli Venezia Giulia, Campania e Calabria stop al pagamento del bollo, seppur con modalità diverse.

In alcune di queste e altre regioni, inoltre, i Comuni hanno emanato disposizioni per sospensioni e rinvii di tasse come Tari, Tasi, Imu, ma anche asili nido, passi carrabili, impianti sportivi, scuole bus e altri tributi non oggetto del decreto Cura Italia.

Regione Lazio

Con delibera del 31/03/2020, la Regione ha disposto la sospensione del pagamento della tassa automobilistica regionale relativa al 2020, per chi aveva scadenza compresa tra il 3 marzo e il 31 maggio dell’anno in corso, fissando la nuova al 30 giugno.

Il Comune di Roma, inoltre, già il 28 marzo, aveva sospeso il pagamento del Canone per l’occupazione di spazi e aree pubbliche (Cosap) relativamente all’annualità 2020. Stesso provvedimento per le Associazioni di gestione dei servizi nei mercati rionali (Ags). Congelati inoltre Imu, Tasi, Tari fino al 30 settembre, con sospensione degli accertamenti fiscali fino al 30 giugno.

Regione Emilia Romagna

In Emilia Romagna il bollo auto è sospeso per chi aveva scadenza tra il 1 marzo e il 30 aprile. Da effettuare comunque entro il 30 giugno.

A Bologna poi non si paga per ora la tassa di soggiorno riscossa nel 2020 dalle stratture ricettive, che sono comune tenute alla comunicazione. Inoltre Tari, Cosap, imposta sulla pubblicità e Tari giornaliera sono rinviate al 30 novembre.

Regione Calabria

Anche in Calabria sospeso il bollo fino al 30 giugno, come ripetutamente annunciato dai componenti della giunta regionale.

Il comune di Reggio Calabria, inoltre, ha sancito diverse sospensioni di tasse comunali, tra cui Imu, Tari e Tasi, anche se non per tutte è stata già stabilita una nuova data di scadenza. Nell’infografica tutti i dettagli.

coronavirus stop tasse reggio calabria

©Comune di Reggio Calabria

Regione Piemonte

In Piemonte anche chi aveva scadenza a febbraio e fino a maggio non pagherà il bollo auto fino al 30 giugno, come da delibera d.g.r. n. 1-1153 del 23/03/2020.

A Torino sono state inoltre approvate le delibere che sospendono le prime due rate della Tari per le utenze non domestiche e per quelle domestiche. Al momento, dunque, i residenti nel capoluogo piemontese non riceveranno i documenti di pagamento Tari Famiglie.

Regione Veneto

Stop al bollo auto e non solo: in Veneto prorogata al 5 maggio 2020 anche la scadenza del bando dedicato alle rottamazioni auto degli autoveicoli inquinanti (prima fissata al 5 aprile).

A Venezia, inoltre, sospese diverse tasse comunali tra cui Tari, Cimp e Cosap.

Regione Lombardia

In Lombardia, la regione più colpita dal coronavirus, ha disposto la sospensione dei tributi regionali non amministrati in convenzione con l’Agenzia delle Entrate, quindi bollo auto, ecotassa e tassa sulle concessioni.

A Milano si punta sulle rateizzazioni: stop a pagamenti e adempimenti relativi alla maggiore rateazione la cui scadenza era prevista nel periodo compreso tra l’8 marzo e il 31 maggio 2020 (nuova scadenza: 30 giugno).

Regione Toscana

In Toscana chi avrebbe dovuto pagare il bollo auto entro il 31 marzo, il 30 aprile o il 30 maggio, potrà farlo senza sanzioni ed interessi entro il 30 giugno. Il differimento dei termini di pagamento è stato deciso dalla Giunta regionale riunita il 25 marzo.

A Firenze, poi, rinvio della scadenza della Cosap per tavolini e dehors, sospesa fino al 30 giugno,  del versamento dell’imposta di soggiorno di febbraio e marzo, rinviata al 15 maggio, e della prima rata della Tari, anche questa prorogata al 30 giugno.

Regione Marche

Nelle Marche proroga invece fino al 31 luglio del pagamento del bollo auto in scadenza in questi mesi difficili.

Ad Ancona stop fino al 30 maggio 2020 ai termini di pagamento dei piani di rateizzazioni concessi riguardanti tributi locali, entrate patrimoniali e ingiunzioni di pagamento: i pagamenti sospesi potranno essere effettuati dal 30 giugno senza interessi né sanzioni.

Regione Umbria

La giunta regionale dell’Umbria ha approvato la sospensione del pagamento delle tasse automobilistiche, per chi aveva scadenza compresa tra 1 marzo e 30 aprile, che potranno essere pagate entro il 30 giugno.

A Perugia, inoltre, la Tari si può pagare senza sanzioni fino al 3 giugno, ma anche la Tosap e la tassa sulla pubblicità.

Regione Friuli Venezia Giulia

Bollo auto sospeso per scadenze nel periodo compreso tra l’8 marzo e il 30 aprile 2020: il pagamento potrà essere effettuato entro il 30 giugno senza sanzioni nè interessi.

A Trieste, inoltre, con delibera approvata il 31 marzo, sospese Tari, imposta comunale di pubblicità e importi relativi a tutte le entrate derivanti dall’occupazione del suolo pubblico.

Regione Campania

Stop in Campania a tutti gli adempimenti tributari e dei termini dei versamenti relativi al bollo auto che scadono tra il 24 marzo 2020 ed il 31 maggio 2020: potranno essere pagati fino al 30 giugno  senza applicazione di sanzioni ed interessi.

A Napoli, poi, strisce blu e parcheggi gratuiti per i lavoratori, con deroghe sulla ZTL, stop al pagamento del fitto per gli immobili destinati a uso abitativo e non di proprietà del Comune, della prima rata della Tari che slitta al 16 Giugno, della Cosap prorogata al 30 Giugno, 30 Settembre e 31 Dicembre.

Non solo capoluoghi

Diversi piccoli centri hanno disposto sospensioni e rinvii di tasse locali. Chiediamo ai nostri comuni di residenza!

Fonti di riferimento: Regione Lazio / ACI Regione Emilia Romagna / Comune di Milano

Leggi anche:                                                          

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook