Bluestar, l’autobus che ripulisce l’aria dalle polveri sottili

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un bus che mentre porta i passeggeri da una parte all’altra della città ripulisce l’aria dalle polveri sottili. In Gran Bretagna è realtà. Si chiama Bluestar ed è gestito dal gruppo Go-Ahead.

Quest’ultimo, uno dei maggiori operatori del paese, ha inaugurato proprio nei giorni scorsi il primo autobus che si occuperà del filtraggio dell’aria, migliorandone la qualità e permettendo ai residenti di respirare meno veleni.

Il bus è dotato di uno speciale filtro, montato sul tetto, appositamente progettato per rimuovere le polveri sottili, intrappolandole mentre è in movimento. Il sistema fa sì che l’aria sporca, una volta entrata, venga ripulita del 99,5% delle particelle dannose. A quel punto, l’aria pulita viene reimmessa in circolazione.

Go-Ahead ha scelto Southampton, che sarà la prima città a beneficiare del prototipo. Una scelta non casuale visto che secondo i dati forniti all’inizio di quest’anno dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), essa presenta valori molto elevati di inquinanti pericolosi.

Secondo gli studi di fattibilità condotti da Pall Aerospace, produttore del filtro, gli autobus pilota Bluestar puliranno l’aria durante il loro tragitto 16 volte all’anno, fino a un’altezza di 10 metri.

“Vogliamo che questo progetto pilota mostri che gli autobus dovrebbero essere considerati non solo la soluzione alla congestione nelle città, ma anche come soluzione al problema della qualità dell’aria”, ha detto l’amministratore delegato di Go-Ahead, David Brown. “Mentre il bus rimuove le polveri sottili dall’aria durante il viaggio, aiuta a risolvere i problemi di qualità dell’aria della città“.

Se tutti gli autobus Bluestar fossero dotati di questa tecnologia di filtraggio dell’aria, riuscirebbero a ripulirla 2,4 volte l’anno fino a un’altezza di 10 metri solo nella zona di Southampton apportando un cambiamento importante alla qualità dell’aria e anche alla vita delle persone.

I problemi di salute associati all’inquinamento atmosferico provocano ogni anno 4,2 milioni di morti premature in tutto il mondo, secondo l’OMS. Nel Regno Unito, il Ministero dell’ambiente stima che l’inquinamento atmosferico da particolato riduca l’aspettativa di vita dei residenti di 6 mesi.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook