Il bus si paga con il cellulare: per ora il servizio Postamobile solo a Milano e Torino

biglietto-bus-smarphone

Piccola grande rivoluzione nel campo del trasporto pubblico, almeno a Milano e Torino, dove è possibile pagare il biglietto dell’autobus direttamente dal proprio smartphone grazie alla collaborazione tra Postamobile, Atm di Milano e Gtt di Torino.

Si tratta di un servizio al momento offerto solo dal gestore Postemobile grazie alla tecnologia NFC (Near Field Communication) in grado di mettere in comunicazione gli smartphone con i tornelli e le macchinette convalidatrici presenti in autobus e metropolitane.

È necessario però avere non solo una Super SIM NFC di PosteMobile su cui è stata installata l’apposita applicazione (scaricabile da Google Play Store) ma anche uno smartphone con sistema Android.

Grazie a questa tecnologia si potranno acquistare non solo i classici biglietti ma anche gli abbonamenti settimanali, mensili o annuali. I soldi per il biglietto o l’abbonamento richiesti verrano scalati dal conto BancoPosta associato e in caso di controlli durante il viaggio per mostrare di essere in regola basterà avvicinare il proprio cellulare al dispositivo del controllore.

Al momento il sistema è in fase sperimentale, l’intenzione è però quella di estenderlo nei prossimi mesi (sicuramente entro l’apertura di Expo 2015) anche ad altri gestori telefonici in modo tale che tutti potranno usufruire del servizio. Una bella comodità, non credete?

Francesca Biagioli

Leggi anche:

Mobilita’ sostenibile: nel 2015 a Milano arriva lo scooter sharing

Gli autobus di Milano diventano un po’ più sostenibili

Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Hello Fish!

Preservare i nostri mari un passo alla volta, a partire dalla stagionalità del pesce

Florena Fermented Skincare

Cosmetici naturali fermentati: cosa sono e perché sono così efficaci per la cura del viso

Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Salugea

Come fare incetta di vitamina D in inverno per evitare una carenza

Seguici su Instagram
seguici su Facebook