anm napoli

“Si informa la Gentile Clientela che il 30/01/2013 mattina, per mancanza di carburante, il servizio non è garantito”. Questo si legge in una nota rilasciata dall'Anm, la società dei trasporti pubblici di Napoli. Manca il gasolio, per questo i bus cittadini non potranno garantire il consueto servizio.

Già ieri sulla propria pagina Facebook, la Anm aveva avvisato gli utenti dell'irregolarità nel trasporto nell'intera rete e della sospensione nelle zone flegrea, Chiaia e Vomero. Oggi il caos.

Tra tagli governativi e regionali, i fondi per pagare stipendi, contributi, fare manutenzione, pagare le assicurazioni, comprare il gasolio si sono ridotti del 40%. E gli autobus mercoledì si fermano” ha detto la società.

Non c'è altra via d'uscita. Fermare i mezzi pubblici. Questa mattina, servizio paralizzato con appena un decimo dei bus in funzione rispetto a quelli normalmente previsti. Tutti gli altri? Fermi ai box a causa della mancanza di carburante.

Disagi e caos per la città partenopea. La situazione sta lentamente tornando alla normalità, anche se a passo d'uomo. Fa sapere la società che è in corso il rifornimento di carburante nel deposito di via Puglie, per cui il servizio della zona orientale potrà essere regolarizzato a breve. Non saranno così fortunate le altre aree della città, visto che per gli altri impianti il servizio dovrebbe tornare regolare solo nel primo pomeriggio.

Come spiega NapoliToday, occorrono circa 50mila euro al giorno per garantire il rifornimento ai mezzi in circolazione. E l'azienda dei trasporti, da tempo in crisi, ha un credito di 200 milioni di euro dal Comune. Un gennaio critico per la società che questo mese oltre al pagamento dei fornitori, ha dovuto sostenere la spesa delle assicurazioni. In attesa dei soldi del Comune.

Tutti i commenti di sdegno e rabbia sono comprensibili perché il nostro è un lavoro importante per la città e lo sappiamo. La decisione di informare i clienti, consapevoli delle conseguenze, è stata una scelta di rispetto per le persone che utilizzano i nostri bus, come è una scelta di rispetto non dare informazioni positive se non ci sono o imprecise. Lo stesso rispetto lo chiediamo per coloro che lavorano in ANM e che, oggi ne è l'ennesima prova, si barcamenano tra mille difficoltà. stiamo lavorando per riportare la normalità . non è facile e la solidarietà di alcuni cittadini, che non è certamente dovuta, ci da ulteriore coraggio”, spiega su Facebook la Anm.

Francesca Mancuso

Fonte Foto: Campania24news.it

Leggi anche:

- A Tallin bus e mezzi pubblici gratis per combattere l'inquinamento

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram