futuro trasporto sostenibile

I sondaggi possono tutto, anche dare degli spunti di analisi al pubblico e al privato per tentare di anticipare quello che sarà il futuro dei trasporti. Paura? Ansia? Curiosità? Al menefreghismo non ci credo, dobbiamo sapere, dobbiamo decidere se fregarcene o meno.

Tavola rotonda a Londra, moderata da Jo Confino del Guardian (storica testata inglese progressista) e organizzata da Ford, che ha anche commissionato lo studio alla The Futures Company. Al confronto hanno partecipato un panel di tecnici e media da ogni parte d'Europa; a margine i dati del sondaggio.

4 persone hanno provato a delinearlo, il futuro del trasporto sostenibile. 4 tasselli del complesso mondo dei trasporti urbani.

Barb Samardzich, Vice-Presidente sviluppo prodotti Ford Europa, ha centrato la questione su cosa dovrebbe fare l'industria automobilistica. Se da un lato i prodotti devono ispirare il consumatore verso una riduzione dei consumi e l'abbattimento delle emissioni, dall'altro ha chiamato alla cooperazione i soggetti interessati, inclusi quindi i governi, i tecnici, le istituzioni di ricerca ed educative e i media.

Susan Claris, direttore di Arup, ha soprattutto descritto lo scenario. Non solo megalopoli, New York, Tokyo, Mumbay ecc. ma anche le metropoli e le città (a livello mondiale viene considerata quando un aggregato urbano è di circa 500.000 abitanti), in particolare dei paesi in via di sviluppo, saranno interessate dalla congestione e dall'inquinamento. Per la Claris, nel futuro del trasporto sostenibile l'unica certezza è il continuo mutamento e per questo deve essere flessibile, programmando per le persone (che non sempre compiono scelte razionali) e non per il sistema in generale.

Sylvain Haon, Segretario generale di Polis Network, ha provocatoriamente iniziato il suo intervento sostenendo che il problema non sono le auto, o il traffico o il sistema dei trasporti, ma le persone. Ci si deve concentrare, ha continuato, sul movimento degli individui da un punto A ad un punto B, e non sulla movimentazione delle auto. Strategiche le infrastrutture, principalmente tecnologiche. Sapere come si muove l'individuo, perno centrale della mobilità, e riuscire a indicargli in tempo reale valide alternative all'auto, valide ed ecologiche, per spostarsi dal punto A al punto B, è una strategia realizzabile ed efficace. In effetti siamo vicini ad essere tutti, o almeno la maggiorparte di noi, “always on” (trd. sempre connessi), per esempio con un telefonino; quindi rintracciabili dall'informazione giusta al momento giusto.

Fabio Orecchini, professore universitario e Coordinatore Scientifico di H2Roma, è invece ottimista sulla capacità dell'industria automobilistica a rendere accessibile una propulsione alternativa, efficiente e pulita. I vettori energetici puliti, quali elettricità da fonti rinnovabili, idrogeno e bio-carburanti, saranno dominanti nel prossimo futuro. Anche se in qualche modo questo passaggio dovrà essere regolato dai governi centrali e locali, e dovranno essere rese disponibili le infrastrutture.

Seguendo questo link è possibile scaricare tutti gli interventi ed il seguente dibattito.

Per quanto riguarda i risultati chiave del sondaggio (scaricabile qui), realizzato su un panel di 6.000 europei, e centrato su sostenibilità, impatto ambientale e congestione del traffico:

Il 74% identifica la proprietà dell'auto con l'indipendenza

Il 52% usa meno di una volta al mese o mai il trasporto pubblico

Il 53% dice che il cambiamento climatico è il problema più grande del mondo

ma che il 77% non taglierebbe l'uso dell'automobile per affrontare i problemi ambientali

il 72% dice che l'efficienza nei consumi di carburante è uno dei motivi che ritengono più importanti quando si acquista un'auto

il 50% utilizzerebbe uno stile di guida più ecologico se conoscesse meglio il vantaggio finanziario

il 57% dice che è il governo ad avere la maggiore responsabilità di ridurre l'impatto dei trasporti sull'ambiente

Degli intervistati, il 28% dice che prenderebbe in considerazione l'acquisto di un veicolo con un propulsore elettrico, anche se pochi hanno esperienza di prima mano di tali veicoli (8% ha posseduto o guidato un veicolo ibrido elettrico e il 6% ha posseduto o guidato una ibrida plug-in veicolo elettrico o un veicolo esclusivamente elettrico a batteria). In confronto il 66% degli intervistati ha posseduto un veicolo a motore a benzina e il 38% è stato proprietario di un veicolo diesel.

Il numero di auto sulle strade del mondo dovrebbe passare dal circa 1 miliardo di oggi ad una cifra compresa tra I 2 e i 4 miliardi nel 2050. La Commissione europea prevede che i costi di congestione in Europa aumenteranno del 50% a € 200 miliardi all'anno.

Mario Notaro

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram