Boeing-787-DreamLiner

Si chiama Dreamliner, metà della sua struttura è costruita con materiali innovativi e sostenibili e consuma il 20% in meno di un normale aereo: è un Boeing rivoluzionario, a basso impatto ambientale, destinato a segnare una nuova era per l’aviazione commerciale.

L’aereo green - il primo esemplare del jet B-787 Dreamliner - verrà presentato oggi nella località di Everett, vicino a Seattle, nel nord-ovest degli Stati Uniti, dove sarà consegnato ufficialmente alla compagnia giapponese Ana; e dagli Usa volerà direttamente a Tokyo.

Ma quali sono le differenza tra Dreamliner e gli aerei tradizionali della stessa classe?
Il super aereo green ha tagliato del 20% il consumo di cherosene, del 20% le emissioni dei gas serra, del 30% per cento le spese di manutenzione della fusoliera e del 60% per cento il grado di inquinamento acustico. Ma non è tutto, perché per la prima volta nella storia delle compagnie aeree, la fusoliera è stata interamente realizzata in fibra di carbonio, mentre il 50% dell'intero velivolo è realizzato in materiali leggeri e innovativi.

In breve, l’apparecchio è sostanzialmente meno costoso e più ecologico, consuma meno (non male in tempo di crisi) e strizza l’occhio alle nuove esigenze della green economy, in particolare della mobilità sostenibile.

Ma non finisce qui, perché la compagnia giapponese, per ridurre ulteriormente i costi e l’impatto ambientale, sta puntando anche sulle tratte dirette da città a città, in modo da evitare gli scali, ridurre così anche i tempi di spostamento e tagliare i costi.

Che cominci a muoversi qualcosa nel mezzo di trasporto in assoluto più inquinante del Pianeta?

Verdiana Amorosi

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog