zehst_aereo

La tecnologia eco friendly passa anche dalla rivoluzione ecologica nel volo. Pochi giorni fa, avevamo presentato Concept Plane, innovativo velivolo caratterizzato dalla struttura e dalla fusoliera trasparenti, realizzato con materiali innovativi, leggeri e che necessitano di meno energia per mantenere Concept Plane in volo. Nei prossimi giorni, al Salone Aeronautico che si svolgerà a Le Bourget, sarà presentato in forma ufficiale il progetto Zehst di Eads: quello che, a buon diritto, si può considerare il prototipo del più veloce – e meno inquinante – aereo nella storia dell'aeronautica.

Eads (sigla che sta per European Aeronautic Defense and Space Company) è frutto di una multinazionale europea alla quale fanno capo Airbus, Eurofighter ed Eurocopter. Dalla collaborazione di queste realtà, è stato sviluppato Zehst, che sta per Zero Emission HyperSonic Transportation: un aereo ultraveloce a bassissimo (secondo i progettisti: assente) inquinamento, grazie a un sistema propulsivo che si avvale dell'alimentazione a biocarburanti, idrogeno e ossigeno.

Quello che vedremo alla kermesse internazionale in programma dal 26 al 28 giugno è un modello, della lunghezza di 4 metri. Zehst, oltre che dall'alimentazione green, sarà caratterizzato da una elevatissima quota di volo: ben 32 km, oltre due volte e mezzo rispetto agli attuali Jet; quasi il doppio del Concorde. Questa caratteristica porta dei vantaggi, non ultimo quello di poter mantenere una velocità elevatissima a consumi bassi,grazie alla notevole densità dell'aria che si raggiunge al limite della stratosfera.

Per raggiungere la quota di volo, Zehst fa affidamento a dei motori a reazione di tipo “tradizionale”, tuttavia alimentati a biocarburanti ricavati dalle alghe. Raggiunta la quota ottimale, saranno messi in funzione dei reattori alimentati a idrogeno e ossigeno, che non emetteranno che vapore acqueo.

Eccezionali le prestazioni: Eads assicura che il velivolo sarà sviluppato per mantenere una velocità di volo Mach 4 (4880 km/h), come dire 4 voltela velocità del suono, senza inquinare: l'obiettivo è la copertura della rotta Parigi – Tokyo in due ore e mezza, contro le 11 ore attuali.

Quanto ai tempi, è già stato comunicato che il primo prototipo (quello che vedremo a Le Bourget è un modello in scala) sarà approntato per il2020, mentre per l'entrata in servizio bisognerà attendere il 2040 – 2050: “Occorrerà mettere alla prova l'aereo dal punto di vista della sicurezza, il funzionamento congiunto di tutte le tecnologie e le reazioni del fisico umano per questo innovativo mezzo di trasporto”, comunicano i vertici di Eads.

Ciò che conta, è che il concetto di “volo a zero (o basse) emissioni” si fa sempre più tangibile. Oltre a Zehst, infatti, a Le Bourget sarà presentato ilSolar Impulse, prototipo di aereo alimentato a energia solare (che avevamo già descritto nei mesi scorsi); Da Boeing sarà presentato il nuovoJumbo 747-8 in versione Cargo, i cui primi esemplari saranno consegnati nei prossimi mesi, alimentato a carburante “pulito” formato da una miscela all'85% di kerosene e al 15% vegetale (camolina).

Piergiorgio Pescarolo

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram