volkswagen-milano-taxi_2

Ha tutte le carte in regola per diventare uno dei veicoli che lasceranno il segno nella filosofia del trasporto urbano. Il Volkswagen Milano Taxi, prototipo del primo taxi elettrico che dal 2013, costituirà la nuova frontiera del trasporto pubblico su piazza è stato esposto in questi giorni a Milano, nel cortile di Palazzo Marino in occasione della presentazione di “Milano Mobility”.

Si tratta di un progetto intrapreso dalla Volkswagen, dal Politecnico di Milano e dalla Scuola Politecnica di Design. Dopo un'anteprima, svoltasi il mese scorso in occasione della Fiera di Hannover, nella quale era stato mostrato al cancelliere tedesco Angela Merkel, il “Taxi Milano” ha ora ricevuto anche il battesimo da parte del sindaco Letizia Moratti.

È verde e nero, come i taxi degli anni 60

Che sia psicologia, o marketing, poco importa. La livrea scelta per il Volkswagen Milano Taxi è verde e nera. A molti fa venire in mente il caratteristico abbinamento cromatico dei taxi di Milano degli anni 60.

E, in fondo, le finalità cambiano poco: quarant'anni fa e più, la Fiat 600 Multipla venne scelta dalla stragrande maggioranza dei taxisti che operavano all'ombra della Madunina in virtù del “motorino” da 750 cc che consumava pochissimo, era robusto e sopportava il trasporto di sei persone che trovavano posto nel geniale abitacolo gibboso e razionale che può, a buon diritto, dare alla “Multipla” l'immagine di prima monovolume di grande serie della storia dei veicoli a motore.

Oggi, seppure con un altro marchio, queste caratteristiche rivivono: la “Taxi Milano” è una vettura compatta, caratterizzata da un abitacolo fatto apposta per il trasporto – comodo – dei passeggeri, che trovano posto attraverso due agevoli e razionali porte scorrevoli.

Elettrico: per risparmiare sui costi di gestione e sulla manutenzione

Nel 2013, quando lo vedremo su strada, il Taxi Milano rappresenterà un concreto passo in avanti verso la mobilità sostenibile. Il fatto di essere a emissioni zero, di possedere un corpo vettura in grado di districarsi al meglio nel traffico cittadino e di garantire una adeguata autonomia, ne costituiscono gli atout più evidenti.

La trazione, infatti, è garantita da un motore elettrico in grado di erogare un “picco” di potenza di 85 kW, una autonomia di 300 km con una ricarica completa e una velocità massima di 120 km/h.

Moratti: “Milano all'avanguardia nella mobilità 'green' e nel design”

Il Volkswagen Milano Taxi sarà solo declinato in “versione auto pubblica”; per il resto delle auto a basse (o del tutto assenti) emissioni, la Volkswagen – come altri costruttori – ha in procinto di costituire entro il 2013 una prima gamma di auto da famiglia a emissioni zero.

L'idea di realizzazione di questo taxi è un omaggio a Milano – osserva Moratti – che avviene dall'unione delle competenze scientifiche del Politecnico con l'esperienza industriale di un grande Gruppo quale è la Volkswagen”.

Piergiorgio Pescarolo

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram