incentivi_scooter

Gli eco-incentivi nel 2010 per moto, motorini e scooter ecologici ci saranno. Pochi, ma stanziati. Nel decreto legge firmato ieri dal Governo, 12 milioni di euro sono stati previsti per il settore delle due ruote che, orfano degli incentivi 2009 previsti per i motocicli dal ministero dell'Ambiente, stava subendo una notevole flessione nelle vendite.

Così, se il mercato dell'auto rimane a bocca asciutta, sono state deluse solo in parte le attese di Confindustria Ancma, l'associazione dei costruttori di categoria, che alla vigilia del pacchetto incentivi, pur mostrandosi fiduciosa, aveva dichiarato in un comunicato: "Qualora non dovessero essere erogati gli incentivi, dovremo fare i conti con un anno difficile per i produttori, ma anche per tutta la filiera di componenti, accessori e per la rete distributiva. Rinnovare il parco due ruote circolante dovrebbe essere una priorità del Governo e del Paese, perché consentirebbe di abbattere le emissioni inquinanti nelle nostre città e di ridurre i consumi, a vantaggio di chi ogni giorno si muove su scooter e moto".

E così è stato! La filiera del settore motociclistico tira un bel sospiro di sollievo: dal 6 aprile potrà tornare a contare sugli aiuti pubblici perché i tanto attesi incentivi 2010 per scooter e motorini sono stati confermati e inseriti nel pacchetto firmato ieri dal Consiglio dei Ministri rispecchiando la logica proposta dall'Ancma che prevede un bonus legato al listino che tenga conto dei contenuti tecnologici dei veicoli più avanzati, sicuri ed ecologici.

A deludere le aspettative dei produttori però, è l'importo complessivo stanziato: solo 12 milioni di euro a fronte degli almeno 50 mila auspicati. "Siamo soddisfatti che il comparto delle due ruote a motore sia stato incluso fra quelli che beneficeranno dei prossimi incentivi - commenta Corrado Capelli, presidente di Confindustria Ancma - ma saremmo molto preoccupati se tali fondi ammontassero solo a 12 milioni di euro. Perché tale stanziamento è decisamente insufficiente e non rappresenterebbe un vero sostegno al mercato, che rischierebbe un calo sensibile delle vendite nei mesi successivi".

Secondo Capelli l'importo stanziato riuscirebbe ad incentivare solo 30mila veicoli, il 7% del mercato con un conseguente esaurimento del plafond in 15-20 giorni.

Tutti gli sconti previsti

Bisognerà dunque essere rapidissimi per aggiudicarsi i bonus essendo stati stanziati solo 10 milioni per moto e motocicli Euro 3 fino a 70 kW di potenza. Tanto più se l'intenzione era quella di passare ad uno scooter elettrico o ibrido per i quali sono riservati i restanti 2 mila euro.

Il bonus previsto è pari al 10% del prezzo di listino fino ad un massimo di 750 euro che sale a 1.500 euro nel caso dei motorini elettrici. Per avere diritto allo sconto, però, oltre che correre dai rivenditori a partire dal 6 aprile, bisognerà rottamare un vecchio due ruote Euro 0 o Euro 1.

Da parte nostra l'impegno a tenervi aggiornati sugli sviluppi e sulle modalità per accedere agli sconti che verranno rese note solo nei prossimi giorni.

Simona Falasca

Leggi tutti gli articoli sui nuovi ecoincentivi 2010



monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram