vaporetto stoccolma

I fiumi delle nostre città potrebbero essere utilizzati per ridurre il traffico sulle strade. L'idea viene da Stoccolma, dove si valuta la possibilità di utilizzare un vaporetto efficiente come la metro, per trasportare i passeggeri da una parte all'altra della città, alleggerendo la congestione urbana.

Per molte città, la soluzione contro il traffico potrebbe dunque risiedere in uno dei più antichi mezzi di trasporto disponibili, la barca. Ci crede davvero il team del progetto 365 Waterway che ha analizzato i vantaggi dei vaporetti, riducendo le auto, ma senza fare danni all'ambiente.

Rispetto ai vaporetti già esistenti e agli attuali servizi taxi, il nuovo veicolo allo studio in Svezia promette di rivoluzionare la mobilità cittadina, imitando in un certo senso la metropolitana. In primo luogo per la facilità e la velocità di accesso. Come mostra l'immagine sopra, la disposizione dei vagoni ricorda proprio quella del metrò piuttosto quella delle imbarcazioni. Inoltre, vi si accede dai lati piuttosto che dalla prua e dalla poppa, velocizzando al massimo i tempi di entrata e di uscita. “Vogliamo che le barche funzionino come una metropolitana o un autobus, dove si potrà salire e scendere dai lati anziché da prua o poppa,” ha spiegato Garme.

È inoltre possibile accedere facilmente con le bici, rispetto agli attuali mezzi che si muovono sull'acqua per via degli spazi più ampi. Oltre ad aggiungere capacità di transito nelle città cambiando i flussi di trasporto, secondo i ricercatori il trasporto sull'acqua potrebbe infatti creare un'opportunità per aumentare i volumi di pendolarismo in bicicletta, come spiega il rapporto.

L'idea nasce dai ricercatori del KTH Royal Institute of Technology tenendo conto della fisionomia di Stoccolma, una città composta da isole che sembra il posto ideale per usufruire del trasporto sull'acqua. Secondo i ricercatori, usando gli efficienti vaporetti ideati dal progetto i tempi di spostamento si ridurrebbero di un terzo.

Per valutare se le vie navigabili potrebbero aumentare la capacità di trasporto in tutta la città, Karl Garme, ricercatore del KTH, ha spiegato che devono essere prese in considerazione 5 condizioni fondamentali:

  1. I vaporetti devono essere integrati con le infrastrutture terrestri, fisicamente e attraverso sistemi di pagamento

  2. Occorre una stazione di autobus d'acqua

  3. Essi dovrebbero funzionare tutto l'anno, anche se l'acqua gela in inverno

  4. Imbarco e sbarco dovrebbero essere veloci

  5. Le barche devono essere efficienti dal punto di vista energetico e dovrebbero anche essere modulari, con dimensioni diverse in base alle varie esigenze

  6. La pianificazione del traffico dei vaporetti dovrebbe essere fatta prima che essi vengano costruiti.

L'obiettivo di 365 Waterway è stato quello di dimostrare che i fiumi possono essere usati per aggiungere capacità di trasporto sostenibile nei sistemi urbani. Grazie alla collaborazione con Susanna Hall Kihl di Vattenbussen, i ricercatori hanno guardato oltre la semplice realizzazione del progetto per la città di Stoccolma, cercando di offrire idee adattabili a varie città e a contesti diversi.

mappa metro fiume

Anche il Tevere, a Roma, potrebbe essere utilizzato per decongestionare la città, dove il traffico rappresenta un problema. Tenendo conto che, nonostante le sue dimensioni, Roma sia servita da poco più di due linee di metropolitana, muoversi attraverso il fiume darebbe sicuramente una possibilità in più ai pendolari.

Rimarrà solo un sogno?

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

La metropolitana fantasma si trasforma in piscina

Una soluzione smart per le fermate dell'autobus

monge

Monge

10 cose da sapere prima di accogliere un cucciolo in casa

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram