Meno auto, più bici: la Norvegia costruirà 10 autostrade ciclabili

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Autostrade ciclabili per collegare al meglio le sue nove più grandi città. La Norvegia dedica investimenti massicci alla bicicletta. Il paese infatti ha annunciato che per ridurre la propria impronta di carbonio realizzerà una rete formata da dieci autostrade ciclabili che circondano le città, per un costo stimato di 923 milioni di dollari (circa 840 milioni di euro).

La Norvegia ha reso noto il nuovo piano per la lotta alle emissioni legate ai trasporti. Di esso fanno parte le autostrade ciclabili. Queste ultime però non serviranno a collegare le città le une alle altre per centinaia di km, almeno non in questa prima fase. Le nuove vie collegheranno i centri urbani alle periferie, estendendo la rete ciclabile protetta al di fuori dei nuclei urbani e fino alla campagna, garantendo spostamenti più lunghi.

Ampie e a due corsie, le 10 piste ciclabili permetteranno ai ciclisti di muoversi “ad una velocità e con sicurezza finora impossibili” assicura la Norvegia. I ciclisti potranno percorrerle fino a 40 chilometri all’ora.

Le città coinvolte nel piano e collegate dalle nuove autostrade ciclabili saranno:

* Oslo: E6 Bryn-Lillestrøm og Rv163 Akershus grense – Økern.

* Bergen: E39 Rådal – Bergen sentrum.

* Trondheim: E6 Tiller og Heimdal – Rotvoll.

* Nord-Jæren: E39 Stavanger – Sandnes.

* Nedre Glomma: Grålum – Kalnes.

* Drammen: E134 Gulskogen – Mjøndalen.

* Grenland: Rv36 Vabakken – Gråtenmoen.

* Kristiansand: E18 Vollevann – Oddemarka-Tordenskjolds gate.

* Tromsø: E8 Solligården – Tromsgården – Tomasjord.

autostrada norvegia

Foto

Una bella sfida se si considera che le nuove piste saranno costruite in un paese ricco di montagne, freddo e buio per gran parte dell’anno. Tanti sono gli ostacoli. Anche se il calore della Corrente del Golfo mantiene la costa in gran parte libera dai ghiacci, il paese deve però fare i conti con giornate brevi e fredde. Al contrario, le città interne della Norvegia sono tipicamente pianeggianti o collinari, quindi più adatte alla bici.

Dal canto suo, la Norvegia finora non ha avuto le condizioni per sviluppare una vivace cultura ciclistica. I dati riferiti al 2010 indicano un ritardo rispetto ai paesi vicini. In Danimarca, il 17 per cento di tutti i viaggi a livello nazionale si è svolto in bicicletta, mentre in Svezia la quota è stata del 12 per cento. In Norvegia la percentuale era del 4% nel 2010 ed è salita al 5 nel 2014.

Il governo norvegese punta invece ad aumentare questa quota di spostamenti tra il 10 e il 20 per cento entro il 2030.

Ce la farà? I presupposti ci sono tutti.

Francesca Mancuso

Foto cover

LEGGI anche:

RADLER B-1: IN GERMANIA ARRIVA L’AUTOSTRADA PER LE BICICLETTE

NASCE IN GERMANIA LA PRIMA SUPERSTRADA DEDICATA ALLE BICI

A LONDRA LA SUPERSTRADA CICLABILE PIÙ LUNGA D’EUROPA

AUTOSTRADE CICLABILI: DA LECCE A VENEZIA IN BICICLETTA. SOGNO O REALTÀ?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook