New York City By Bike: il lato sconosciuto della Grande Mela visto dalla bicicletta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Immortalare New York da un insolito punto di vista, i raggi di una bicicletta. È questo il progetto fotografico di Tom OlesnevichNew York City By Bike” che sta facendo il giro del web. Realizzato con una digital single-lens reflex (DSLR), cioè una fotocamera SLR che impiega un sensore al posto della pellicola convenzionale, legata tramite una cinghia al telaio della sua bici, con il risultato di offire incredibili scatti ad alta velocità della città che non dorme mai.

Da varie zone della città, da Manhattan a China Town, ecco un nuovo e interessante modo di vedere la Grande Mela. Gli scatti sono stati fatti con una Nikon D40 fissata a un Gorillapod, treppiede portatile, pieghevole e resistente. E innescati da un telecomando. “Sono un fotografo sportivo di professione. I miei amici sanno che sono anche un appassionato ciclista. Ma quando rivelo alla gente che vive a New York che io qui vado in bici, tutti mi osservano con sguardi curiosi“, ha detto Olesnevich.

newyork2

newyork

Proprio per far capire che andare in bici è possibile ovunque, anche nella famosa metropoli nordamericana, la scorsa primavera ha deciso di mostrare cosa vede quando guida la sua due ruote in città. E come ogni singola prospettiva può apparire diversa. “Sono io alla guida della bici in tutti gli scatti,m realizzati con una Nikon D40 attaccata a testa in giù al telaio con un Gorillapod e attivata tramite telecomando a infrarossi“, continua il fotografo.

newyork2

newyork5

Il coraggioso ciclista urbano, che affronta ogni giorno autobus, traffico, immense vie con tre o quattro corsie, racconta, infine, un simpatico episodio con protagonista la posizione precaria della sua macchina fotografica: “stavo guidando verso ovest lungo la 42ma strada abbastanza quando ho sentito all’improvviso un rumore sordo. Mi sono subito fermato, giusto in tempo per vedere, girandomi, la mia macchina fotografica ruzzolare giù per la strada sotto un camion. Per fortuna ha continuato a rotolare ed è spuntata fuori dall’altra parte, solo un po’ ammaccata“.

Roberta Ragni

Foto di Tom Olesnevich

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook