Premiato Limone del Garda per la pista ciclabile sospesa più bella d’Europa, la ciclovia dei sogni

Ciclopista del Garda

La chiamano “ciclovia dei sogni” e non è un caso, perché percorrendola ci si sente trasportati in un luogo senza tempo, in una dimensione quasi onirica, sospesi sul lago di Garda.

Stiamo parlando della ciclopista del Garda, la pista ciclopedonale sospesa più bella d’Europa, grazie alla quale il comune di Limone del Garda si è aggiudicato il Premio “PIMBY” (Please In My Back Yard) Green 2019.

Un premio prestigioso assegnato, durante l’evento promosso da FISE ASSOAMBIENTE con il patrocinio dell’ANCI, ad amministrazioni e imprese del territorio che si sono dimostrate capaci di guardare oltre, promuovendo la realizzazione di opere pubbliche o private di grande impatto innovativo e strategico, come ha dichiarato il Presidente FISE Assoambiente Chicco Testa:

“I Premi assegnati riconoscono meriti a quanti, superando un sempre più diffuso egoismo territoriale, hanno deciso di realizzare sul proprio territorio un’opera utile per una più ampia comunità, mostrando una visione strategica del bene comune e un atteggiamento costruttivo nel rispetto del territorio, dell’ambiente edel confronto partecipativo. Un Premio contro la sindrome NIMBY che frena la ripresa del nostro Paese e vede spesso avvilupparsi in un circolo vizioso difficile da spezzare politica, enti pubblici, associazioni ambientaliste, associazioni di categoria e sindacati”.

La ciclopista di Limone sul Garda, piccolo comune a confine tra la provincia di Brescia e Trento, non poteva che vincere perché, a parte il valore turistico, è di una bellezza straordinaria. Chiunque ami pedalare o camminare, dato che un tratto della pista è percorribile anche a piedi, avrà la magica opportunità di immergersi in un panorama mozzafiato, sospeso tra il verde delle acque lacustri e gli azzurri del cielo.

Ciclopista del Garda

Un percorso in parte ardito, che per un tratto affianca la statale 45 bis Gardesana Occidentale, a sbalzo sul lago e che sporge, in altezza, a 50 m dal livello dell’acqua. La cosa magnifica è che si può percorrere anche di notte, circondati dal silenzio della natura. Un’esperienza unica non solo per chi ama pedalare ma per chiunque adori la magia dei luoghi incontaminati.

L’intero anello ciclabile è esteso sulle sponde del magnifico lago di Garda tra Trentino, Lombardia e Veneto, e il tratto percorribile in bici permette di visitare anche gallerie dismesse della gardesana, consentendo ai ciclisti di scoprire luoghi altrimenti inaccessibili.

Da non perdere, fra gli altri, il tratto che da Gargnano si estende fino a Limone sul Garda, caratterizzato dai ripidi pendii dei monti della Valvestino.

Orari e accessi della ciclopista del Garda

Ciclopista del Garda

La pista ciclopedonale del Garda, come riportato dal Comune di Limone sul Garda, è aperta tutti i giorni, 24 ore su 24, e si estende dalla passeggiata a lago fino al confine con il Trentino, per un totale di 4 km, di cui gli ultimi due sospesi sul lago.

Una volta raggiunto il parcheggio multipiano situato sulla passeggiata a lago, dove va lasciata l’automobile, si prosegue direttamente a piedi o in bicicletta. Se non siete provvisti di bici, potete noleggiarla nel punto E-bike, che propone tariffe di € 20 per noleggi di mezza giornata e di € 30 per l’intera giornata.

Gli ultimi 2 km a picco sul Garda si possono ammirare anche tramite apposito servizio taxi in motocarrozzetta, senza attraversare il resto della pista.

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Photo Credit: Fontana & Lotti Lorenzi

 

 

Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Coop

Fuori la plastica dai sacchetti del pane!

Caffé Vergnano

Women in coffee, il progetto che sostiene il ruolo delle donne che lavorano nelle piantagioni di caffè

tuvali
seguici su Facebook