Da ferrovie dismesse a piste ciclabili: la rivoluzione passa per la bici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le ferrovie dismesse potranno essere utilizzate per itinerari ciclabili di mobilità dolce e la tutela dei tracciati, sarà inserita nel Codice dei beni culturali. La rivoluzione passa dalle due ruote grazie alla proposta di legge M5S a firma di Mirko Busto appena approvata alla Commissione Ambiente della Camera.

Una prima buona notizia per chi ha a cuore l’ambiente e una grande occasione di sviluppo con la creazione di occupazione dato che in Europa, secondo il Movimento 5 Stelle “per un miliardo investito in mobilità dolce si creano 22,5 mila posti di lavoro”.

La proposta di legge dei grillini è frutto di un lavoro di squadra tra più partiti politici e che ha trovato il favore anche del ministro dei Trasporti Delrio e dei Beni culturali Franceschini.

“Ma anche se la mediazione politica ha portato a ottimi risultati, dobbiamo restare vigili perché si arrivi al via libera della legge con il passaggio in aula in tempi brevi e certi. Bisogna approvarla il prima possibile”, scrivono sul sito gli esponenti M5S.

LEGGI anche: LE 5 REGOLE DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE

mobilità dolce2

È necessario, quindi che la proposta non rimanga solo sulla carta. Secondo i più ottimisti, già a gennaio 2017 dovrebbe iniziare la rivoluzione su due ruote, una svolta che significherebbe spostarsi in maniera ecosostenibile, valorizzare i territori e le aree dismesse come le vecchie ferrovie abbandonate e deturpate, ma anche avere benefici in termine di salute e stress fisico.

LEGGI anche: ALPINE PEARLS: MOBILITÀ SOSTENIBILE SULLE ALPI IN 10 MOSSE

Una battaglia di civiltà che non si può dire ancora vinta, ma l’approvazione in Senato e l’entrata in vigore della legge di certo sarebbero un gran passo in avanti. “È indispensabile – chiosano i 5S- che il Governo confermi la copertura di 20 milioni annui prevista per il primo triennio di attuazione della legge. Dolcemente sì, però muoviamoci!”

Dominella Trunfio

fonte foto: lifeintravel.it

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook