©Shutterstock/Oleksandr Dudnyk

Il Covid mette il turbo alla bici: nel 2020 tutti in sella (su 200 km di piste in più)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Italia anche a causa del coronavirus ci si sposta di più in bicicletta. Le due ruote a pedali sono sempre più amate nel nostro paese, crescono anche le piste ciclabili.

Sono notizie incoraggianti quelle che arrivano dal nuovo dossier di Legambiente Covid Lanes, secondo cui nel 2020 sono aumentati gli spostamenti in bici e abbiamo guadagnato circa 200 km in più di ciclabili. È Milano la città in testa alla classifica, con 35 nuovi km di percorsi dedicati ai ciclisti, seguita da Genova con 30.

A lungo siamo rimasti chiusi in casa, ci siamo abituati poi al distanziamento. Nel frattemp0 la bicicletta ha guadagnato sempre più spazio nelle nostre vite ma anche nelle città. Il post lockdown in Italia è stato caratterizzato da un aumento degli spostamenti in bici e da una maggiore attenzione alla mobilità sostenibile da parte dei cittadini grazie anche all’incentivo.

E i vantaggi sono stati molteplici: da quelli economici con una riduzione per la spesa di carburante al benessere psicofisico. A beneficiarne sono state anche le città con un netto miglioramento della qualità dell’aria e la riduzione del traffico veicolare.

Piste ciclabili pop-up

Se la pandemia ha cambiato le nostre vite, questo è ancora più valido per il settore della mobilità. Nel 2020 abbiamo scoperto che è possibile realizzare, anche in pochi giorni, corsie riservate alle bici con costi contenuti e interventi leggeri, lungo gli assi prioritari e le tratte più frequentate

“Interventi minimi che possono essere sviluppati successivamente con l’aggiunta di protezioni e la definizione di passaggi esclusivi mirando a trasformarli, nei mesi successivi, in vere ciclabili. Sono le cosiddette ciclabili pop-up, realizzate dopo il lockdown in ogni parte del mondo, quando sono stati annunciati, stando alle stime della European Cyclists Federation (ECF), oltre 2.300 km di nuovi tratti,  e realizzati più di 1.000 km con oltre un 1 miliardo di euro di investimenti in tutta Europa” si legge nel dossier.

Il grafico qui di seguito mostra i nuovi km di piste pop-up realizzate solo nel 2020. Nel complesso sono 21 le città dove sono stati realizzati nuovi tratti ciclabili:

nuove ciclabili 2020

©Legambiente

Un passo avanti che va rafforzato, così come richiesto anche dai  PUMS, Piani Urbani di Mobilità Sostenibile, che prevedono 2.626 km di nuove piste ciclabili, da sommare ai 2.341 km già esistenti in 22 città italiane.

Aumentano anche gli spostamenti

In particolare, il lockdown ha portato a un deciso aumento degli spostamenti in bici, anche grazie ai nuovi mezzi finanziati dal bonus dedicato. A monitorare l’incremento è stata l’applicazione Google Maps. Google ha infatti contato il numero di richieste di indicazioni stradali per percorsi in bicicletta, in tutto il mondo, tra febbraio e giugno, registrando un aumento complessivo delle richieste pari al 69%.

In paesi come la Finlandia e la Polonia tali ricerche hanno registrato un aumento pari a quattro volte quelle abituali; in Germania, Austria e Svizzera lo stesso dato è più che raddoppiato.

In Italia l’aumento dell’uso delle biciclette è testimoniato dal notevole incremento di vendite di biciclette (tradizionali e a pedalata assistita) che, secondo le stime di ANCMA, nel maggio 2020 è stato del 60% in più rispetto al venduto nello stesso periodo del 2019, certamente anche grazie allo stanziamento degli incentivi di Stato.

variazione bici

©Legambiente

“Questo è il momento di spingere sullo sviluppo delle ciclabili per far crescere la mobilità sostenibile creando le condizioni per arrivare, in tutte le città, a una percentuale di spostamenti ciclabili a due cifre, come già accade a Ferrara, Bolzano e Pesaro dove si supera il 30%. Per riuscirci abbiamo bisogno di raddoppiare, nei prossimi cinque anni, i chilometri di piste ciclabili nelle città italiane, come prevedono i PUMS (piani urbani mobilità sostenibile)” spiega Legambiente.

Utilizzando la rete di contatori di biciclette in tutto il mondo (colonnine dotate di sensori in grado di identificare il passaggio delle bici) il sistema Eco-Counter ha realizzato uno studio che mette a confronto l’uso della bicicletta nel 2020 con l’anno precedente, rilevando nel mese di settembre 2020 un aumento del 27,5% in Italiadel 25,3% in Portogallo, del 24,5% in Francia e del 20% nel Regno Unito e in Germania rispetto a settembre del 2019.

L’analisi dei dati mensili registrati da Eco-Counter in Italia nel corso del 2020 mostra picchi significativi dell’uso delle biciclette nei periodi di maggio (+81%) e settembre/ottobre (+73%): un boom certamente riconducibile agli effetti della pandemia e del lockdown sulle abitudini di mobilità in Italia, soprattutto durante i giorni infrasettimanali.

“Il 2020 è stato evidentemente un anno di svolta per le ciclabili ma ora serve un deciso salto di qualità per confermare lo sviluppo della mobilità ciclabile e per garantire anche la sicurezza per chi si sposta in bici – ha dichiarato il Vice presidente di Legambiente Edoardo Zanchini – . L’obiettivo è di ripensare lo spazio urbano per portare qualità e ridurre i rischi di incidentalità adottando soluzioni infrastrutturali per ridurre la velocità e lo spazio stradale dedicato alle automobili. L’obiettivo deve essere quello di raddoppiare le ciclabili entro il 2025, per mandare un messaggio chiaro di cambiamento in positivo a chi vive nelle città, e trasformare le nuove pop-up, in tempi ragionevoli, in veri percorsi protetti. Per realizzare tutto ciò, bisogna inserire questo tipo di infrastrutture urbane nel Recovery plan e investire un miliardo di euro in cinque anni,  seguendo l’esempio di paesi come l’Inghilterra, per questi interventi”.

Per leggere la versione integrale del Dossier, clicca qui

Fonti di riferimento: Legambiente

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Speciale Creme Solari

Creme solari: come sceglierle e a cosa fare attenzione

eBay

Work out: i migliori attrezzi per allenare a casa tutti i muscoli

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook