Corsie ciclabili e limiti di velocita’: il nuovo codice della strada a misura di bici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È previsto per il prossimo anno l’arrivo di un nuovo Codice della Strada che potrebbe introdurre delle novità a favore dei ciclisti e dei pedoni. Tra queste l’introduzione del limite di velocità di 30 km/h nei centri abitati e la realizzazione delle corsie ciclabili.

Il Ministero dei Trasporti ha avviato l’iter per il nuovo Codice della Strada a misura di ciclisti e pedoni, che dovrebbe comprendere anche un inasprimento delle sanzioni per chi guida sotto effetto di alcool o droghe ma anche per i ciclisti indisciplinati, che potrebbero essere puniti col sequestro della bici

In Italia, sono 14 milioni i ciclisti. Di questi, 9 milioni la usano solo nel week-end, ma per ben 5 milioni è il mezzo di trasporto per eccellenza, usato al posto dell’auto. Per questo motivo, ieri, al Ministero dei Trasporti si è valutata la necessità di fornire maggiori tutele a questa ampia fascia di persone.

Ha spiegato il sottosegretario al ministero delle Infrastrutture e Trasporti Erasmo D’Angelis che “entro 10 giorni avremo la discussione delle modifiche e a inizio del prossimo anno potremo definire il nuovo Codice della Strada. In legge di stabilità – aggiunge – troveremo anche i finanziamenti per il trasporto urbano”.

Forse colpa della crisi o, si spera, una maggiore sensibilizzazione verso le tematiche ambientali. La bici sta vivendo un periodo di boom. Lo dicono i numeri: l’uso della bici nei giorni feriali è più che triplicato a partire dal 2001 quando i ciclisti urbani erano il 2,9% della popolazione adulta. Oggi invece tale percentuale è salita al 9%. e lo scorso anno, la vendita delle due ruote a pedali ha di gran lunga superato quella delle auto.

Che la bici stia finalmente avendo lo spazio che merita?

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

La bici supera l’auto: storico sorpasso nelle vendite in Italia

Road Safety, la nuova campagna video dell’Ue per la sicurezza stradale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook