Ajiro Concept: la bici in bambù che cresce…sulle piante

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ecco un progetto ideale per far passare più in fretta l’inverno: la realizzazione di un “velomobile” in bambù, con tanto di scultura vegetale sul tettuccio. Un’idea, detto fra noi, più facile a dirsi che a farsi, perché occorre una certa conoscenza delle proprietà torcenti di questo materiale, e sono necessarie nozioni di bio architettura. E, perché no?, anche un pollice verde quel tanto da permettere la realizzazione di un veicolo simile.

Per il momento, l’idea è venuta a un giovane designer, Alexander Vittouris, che in questi giorni ha presentato un veicolo (che innovativo e “originale” è ancora dir poco) realizzato interamente con materie naturali.

L’Ajiro (questo il nome scelto per il “velomobile”) è un veicolo a tre ruote, nel quale il conducente si posiziona, seduto, fra due grandi ellissi che formano il telaio portante del triciclo. La pedalata avviene agendo sulla ruota anteriore; due leve, presenti sul pavimento, azionano altrettanti leveraggi che, collegati alle ruote posteriori (sterzanti), determinano la direzione da seguire.

ajiro-concept-velomobile_3_E4klG_69

E fino a qui, non ci sarebbe niente di eccezionale. La particolarità sta nel fatto che tutto l’Ajiro è stato interamente fabbricato in bambù, un materiale che rivela sempre di più la propria versatilità per un suo potenziale utilizzo di tutti i giorni. Dal telaio ai cerchi ruota, dal “sedile – fondo scocca – parafango” (ottenuto con l’impiego di strisce di bambù intrecciate): tutto, qui, è green. Ma soprattutto la struttura, in quanto il telaio è stato “coltivato” direttamente sulla pianta stessa prendendo la forma attraverso la tecnica dell’alboricoltura, tenendo conto del naturale procedimento di crescita della pianta, senza intervenire dunque successivamente in un impianto di produzione.

ajiro-concept-velomobile_1_6rUc8_69

Come se non bastasse, l’idea di mobilità urbana personale ed eco friendly viene accentuata dalle foglie di bambù, presenti sul tettuccio.

ajiro-concept-velomobile_2_IPVPC_69

Insomma: il bambù si dimostra ogni giorno più versatile. Dopo la bicicletta Bamboo Bike (di cui avevamo fornito il tutorial per realizzarla: un altro piccolo suggerimento per riempire le fredde serate invernali) e la carrozzeria dei taxi di Tabontabon, nelle Filippine, che per il 90% è fatta di bambù; dopo il suo impiego nell‘arredamento, nell’abbigliamento, nella cosmesi e nell’hi-tech, ora il bambù serve anche per i prototipi di veicoli.

Piergiorgio Pescarolo

Fonte: Design Award

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook