salva_i_ciclisti

#salvaiciclisti arriva in Parlamento. A dimostrazione di come internet e i social network influiscano anche sulle forme di democrazia, la campagna per la sicurezza sulle strade per gli amanti delle due ruote, partita inizialmente in Gran Bretagna, promossa dal Times, è rimbalzata in Italia come un tormentone attraverso Facebook, Twitter e migliaia di e-mail inviate a giornalisti e onorevoli, riuscendo, così, in pochi giorni a trasformarsi in una vera e propria proposta di legge.

Un Ddl presentato oggi ufficialmente dal senatore del PD Francesco Ferrante, ma firmato da 61 deputati e senatori di ogni partito – Lega esclusa – che dà seguito alle richieste di oltre 20mila persone che hanno aderito alla campagna Salviamo i ciclisti, diffondendola su Facebook (qui il link al gruppo creato) e su Twitter e che mette nero su bianco, riassunti in 11 articoli, i punti principali per lo sviluppo in sicurezza della mobilità urbana a pedali. In un paese dove in 10 anni 2.556 persone sono morte sulla strada in sella alle loro biciclette.

È giunto il momento di riconoscere, ad ogni livello amministrativo e politico, la ciclabilità non solo come parte integrante della moderna mobilità quotidiana ma come soluzione efficace e a impatto zero per gli spostamenti cittadini personali su mezzo privato. – si legge nel disegno di legge che potete scaricare qui - Deve essere riconosciuto l'elevato valore sociale della mobilità ciclistica. Il suo sviluppo e la sua tutela, nel nostro Paese lungamente sottovalutati e anzi depressi dall'attenzione centrata sulla mobilità a motore gli attuali standard europei, già da anni a livelli altissimi e in Italia quasi inesistenti. La sicurezza delle persone che scelgono di spostarsi in bici deve essere considerata una priorità, da raggiungere soprattutto e in prima battuta attraverso la limitazione e la moderazione del traffico veicolare a motore. L'attenzione del legislatore alla sicurezza si deve concentrare su decise azioni di limitazione della velocità in ambito urbano”.

salviamo_i_cicilisti

Tra le disposizioni principali previste strumenti adeguati per il monitoraggio degli incroci più pericolosi come i semafori preferenziali per i ciclisti e l’obbligo per le società che gestiscono strade e autostrade di destinare il 2% del proprio budget agli enti locali per la realizzazione di piste ciclabili. Ma anche l’introduzione di corsi di formazione obbligatori al fine di conseguire la patente di guida e il tanto atteso limite di 30 km/h di velocità massima nelle aree residenziali sprovviste di piste ciclabili. Il tutto a costo zero per lo Stato.

"La larghissima adesione trasversale al mio disegno di legge ‘Salva ciclisti’ mi fa sperare di vedere presto più biciclette e meno auto blu nel centro di Roma, ma anche se così non fosse mi auguro che si raggiunga rapidamente lo scopo principale dell’iniziativa, che è quello di intervenire per fermare il drammatico numero di incidenti, spesso mortali, del quale sono testimoni le strade delle nostre città.” – commenta il senatore del Pd Francesco Ferrante alla presentazione del suo ddl “Interventi per lo sviluppo e la tutela della mobilità ciclistica”.“È giunto il momento di riconoscere ufficialmente la ciclabilità non solo come parte integrante della moderna mobilità quotidiana ma anche come soluzione efficace e a impatto zero per gli spostamenti cittadini personali su mezzo privato. Il suo sviluppo e la sua tutela nel nostro Paese sono stati lungamente sottovalutati e anzi depressi dall'attenzione centrata sulla mobilità a motore, mentre gli attuali standard europei sono da anni a livelli altissimi e in Italia ancora quasi inesistenti."

Simona Falasca

Scarica il disegno di legge integrale

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram