Bicifestazione 2018

Trasformiamo l'Italia in un paese ciclabile! Il 28 aprile tutti a Roma per la nuova Bicifestazione

Sicurezza e accessibilità delle strade: per i ciclisti in Italia è davvero dura vita, ma anche per i semplici pedoni grandi e piccini che ogni giorno tentano di usufruire di uno spazio pubblico. E se ogni italiano passa 9 anni della propria vita sulle strade cercando di muoversi, questi sono 9 anni in cui combatte letteralmente con la morte. Da qui che nasce l’esigenza di una maggiore sicurezza, e anche di una maggiore bellezza, delle nostre strade. Cambiamo la strada!

È questo il motto che ispirerà la nuova Bicifestazione sui temi della sicurezza e accessibilità delle strade, soprattutto per chi non utilizza l'automobile, in programma a Roma il 28 aprile 2018.

Dopo l’esperienza di #salvaiciclisti e l’evento "Veni, vidi, bici" che nel 2012 unì decine di migliaia di bici in via dei Fori Imperiali, un’altra grande manifestazione vuole a tutti i costi rimarcare la necessità di un migliore spazio condiviso sulle strade, di un maggiore rispetto, di diritti e di sicurezza.

Ecco i 10 punti su cui ci si batterà il 28 aprile:

  • Più trasporto pubblico. Si chiede che nella legge di bilancio dello stato il fondo nazionale per il Tpl arrivi in tre anni a 5,5 miliardi di euro. Nei bilanci di comuni e regioni Regioni devono esserci contributi al fondo nazionale pari a 10 euro ad abitante per le Regioni e 50 centesimi ad abitante.
  • Più tram e metropolitane. Un piano nazionale decennale di investimenti finanziato dal governo per raddoppiare il chilometraggio delle reti di tram, metro o ferrovie metropolitane e migliorarne l’integrazione, con l’obbligo per le regioni e i comuni beneficiari di cofinanziare fino al 30% degli investimenti.
  • Intermodalità. Parcheggi bici e velostazioni alle fermate del Tpl e alle stazioni ferroviarie e vogliamo le bici sui mezzi pubblici come obbligo contrattuale nel contratto di servizio di RFI e per le aziende di esercizio dei servizi di trasporto.
  • Piani della mobilità. I comuni facciano i piani urbani della mobilità e subordino le scelte urbanistiche alla disponibilità del trasporto pubblico e alla riduzione della dispersione insediativa, e che il Mit, le regioni e i comuni facciano i piani per la ciclabilità previsti dalla legge 2/2018. Ci chiedono "bike manager" nei comuni, nelle città metropolitane, nelle regioni.
  • Città ciclabili. Lo stato, le regioni e i comuni finanzino stabilmente con 10 cent all’anno ad abitante la realizzazione di piste e corsie ciclabili, marciapiedi, zone 30, attraversamenti rialzati e illuminati, riduzione delle carreggiate stradali per favorire la circolazione in sicurezza di ciclisti, pedoni e disabili.
bicifestazione
  • Mobilità attiva e sostenibile a scuola. Percorsi sicuri per andare a scuola a piedi o in bici, incentivazione dei bicibus e pedibus (garantendo a entrambi gli opportuni finanziamenti che non li facciano dipendere dalla buona volontà dei singoli o dalla disponibilità di questo o quel bando), allontanamento del traffico dalle scuole, educazione alla mobilità attiva per gli studenti, introduzione della figura del mobility manager scolastico.
  • Mobilità attiva e sostenibile nei luoghi di lavoro. Finanziamento del buono mobilità per premiare i lavoratori che fanno scelte sostenibili negli spostamenti e per attrezzare nelle aziende spazi protetti per le biciclette.
  • Sosta in strada a pagamento. Ridurre lo spazio dedicato alla sosta nelle città per ridurre il traffico, recuperare spazio per disabili, pedoni, biciclette, trasporto pubblico, per la vita. Utilizzare i proventi per la mobilità sostenibile e abbattere le barriere architettoniche.
  • 30km all’ora in città. Una velocità massima di 30km/h necessaria a diminuire i morti sulle strade e modificare il Codice della Strada per permettere la realizzazione di tutti i presidi di sicurezza delle zone residenziali già in uso in tutta Europa.
  • Rispetto delle regole di circolazione. Maggiori controlli e campagne per diminuire i comportamenti più pericolosi, tra cui l’eccesso di velocità, il sorpasso azzardato, la sosta su pedonali e ciclabili, l’uso degli smartphone.

L’Italia non può più aspettare questo cambiamento, per questo andiamo a manifestare a Roma ai Fori Imperiali il 28 aprile 2018: in bici per urlare la nostra voglia di libertà!

Ad oggi hanno già aderito oltre 40 sigle e più di 600 persone, aderisci anche tu come privato o come associazione su
www.bicifestazione.it

Leggi anche:

Germana Carillo

banner guida pulizie

Scrittori di classe

Come iscrivere la tua scuola a "salvare il Pianeta”, il concorso di Conad e WWF

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
settimana riduzione rifiuti 2018
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram