Piste cicla

Metti una capitale, Roma, e il guazzabuglio di auto che la invade. Metti che, forse forse, anche in una capitale come la nostra, una delle più rumorose e con elevati tassi di smog, ci si possa svegliare un giorno, migliorare quel gruzzoletto di aria che respiriamo e andare piuttosto in bici, come quegli scellerati dei nostri cugini nordeuropei.

Tutta questione di volontà? Si certo. E ne è straconvinto Dario Piermarini, un quasi quarantenne romano che si è messo in testa che la mobilità sostenibile a Roma è possibilissima. Basta qualche buona idea e nemmeno così tanti fondi da stanziare. Ed è così che nasce Settimo Biciclettari, il gruppo di lavoro da lui coordinato costituito dai comitati quartiere e dalle associazioni del VII municipio di Roma ed esclusivamente basato sul tema della mobilità sostenibile.

Una “chiamata alle armi”, la definisce Dario. E come non capirlo dalla denominazione del gruppo: un chiaro riecheggio, oltre che alla municipalità, anche al Settimo Cavalleggeri, come mi spiega Dario, e al reggimento più celebre della storia. Ma, nel loro caso, col solo scopo di rendere più vivibile il territorio partendo da quei 230mila abitanti del solo settimo municipio.

IL BICIPLAN - E la “chiamata alle armi” risponde a un nome: si chiama, infatti, Biciplan il progetto sul quale il gruppo lavora da gennaio. “Una progettazione di massima di una rete di mobilità sostenibile nel nostro Municipio - mi spiega Dario. Una progettazione cui avrebbe già dovuto pensare l’Amministrazione”, puntualizza.

In buona sostanza, si tratta della possibilità di dare alla città di Roma 22 chilometri di percorsi ciclo-pedonali, collegando Ciampino a San Giovanni e valorizzando le aree archeologiche e i parchi (Parco degli Acquedotti, Parco di Tor Fiscale, parco della Caffarella), per decongestionare la città dal traffico e fare in modo che andare in bicicletta qui sia più facile.

Il Biciplan si basa su 3 priorità:

Priorità 1. Sottopasso del Grande Raccordo Anulare: mi spiega Dario Piermarini che il ricongiungimento della parte esterna del GRA del Settimo Municipio è l’obiettivo principale perché si tratterebbe del nodo nevralgico dell’Asse degli Acquedotti. Molti sono i lavori già fatti da alcuni volontari per la bonifica e la messa in sicurezza del sottopasso GRA, rendendolo fruibile a tutti i ciclisti che da Morena e Ciampino vanno verso il Parco degli Acquedotti. In sostanza il passaggio è aperto, ma ora serve necessariamente un intervento dell’Amministrazione.

asse acquedotti

Priorità 2. Attraversamento Via di Capannelle; pista ciclabile verso Statuario; pista ciclabile Osteria del Curato (Piano di Quartiere) con ricongiungimento pista ciclabile Anagnina per proseguire verso Via Alimena/Via Schiavonetti; pista ciclabile da Vicolo dell’Acquedotto Felice fino al Parco della Caffarella con interscambio alla stazione metro Arco di Travertino e passaggio Parco Tombe Latine; bike-line Lucrezia Romana extraGRA; collegamento con ciclabile Fosso della Patatona; riqualificazione ciclabile Fosso della Patatona. QuesteI sono gli interventi che, se non realizzati, “lasceranno i nostri quartieri isolati”.

via capannelle

via lucrezia romana

anagnina

Priorità 3. Potenziamento e la messa in sicurezza dell’asse principale.

Ma il progetto è già in fase di realizzazione? Assolutamente no, risponde Dario un po’ amareggiato. Il progetto “è stato presentato ufficialmente all’attuale giunta del VII Municipio, abbiamo anche avuto un paio di incontri con la Presidente che si è detta interessata. Siamo in attesa di risposta – aggiunge – si tratta di attuare interventi leggeri di collegamento, per una stima dei costi inferiore ai 70mila euro”.

La realtà è che “se da un lato c’è un cambiamento epocale nelle abitudini di vita dei cittadini, dall’altro c’è la politica che pensa di poter andare avanti con posizioni obsolete”.

La realtà, insomma, è la solita mentalità italiota, di chi non vede oltre la punta del proprio naso, di chi è fermo su posizioni del tipo “tanto è un modello, quello della mobilità sostenibile e della ciclabilità, che va bene solo al Nord Europa” e non fa nulla per cambiare le sorti di una città che ha invece mille potenzialità. Eppure, conclude Dario Pieramarini, la stima dei costi non è nemmeno così stratosferica.

Cosa serve allora? Superare la burocrazia. E avere quella magica dose di buona volontà.

Germana Carillo

LEGGI anche:

Piste ciclabili: Bologna investe in nuovi percorsi. E le altre città?

Piste ciclabili: una rete nazionale per collegare tutta l'Italia non è più utopia

monge

Monge

10 cose da sapere prima di accogliere un cucciolo in casa

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram