Bicibomba 01

Il riciclo e il riuso nei paesi più ricchi sono utili ma in nazioni come il Guatemala possono essere addirittura indispensabili. E quella vecchia bici che non si usa più, che da anni accumula polvere in garage può essere trasformata in una macchina a pedali per le pompe per l'acqua, le smerigliatrici, le trebbiatrici e la produzione di piastrelle.

È quello che fa dal 2001 la ong guatemalteca Maya Pedal che ha trasformato le biciclette donate dagli Stati Uniti, dal Canada ma anche da Francia e Italia, in vere e proprie macchine a pedali, capaci di svolgere svariati compiti altrimenti pesanti per l'uomo, nei luoghi in cui l'elettricità è un lusso o ancor peggio è inaccessibile.

Basta una sana pedalata, et voilà! Si possono svolgere molto più facilmente lavori pesanti grazie alle “Bicimáquinas”.

“Ogni bicimáquina è fatta a mano nel nostro laboratorio utilizzando una combinazione di vecchie biciclette, calcestruzzo, legno e metallo. Finora, abbiamo sviluppato diversi disegni originali che hanno dimostrato di essere sia funzionali che economici” spiega Maya Pedal.

Alcuni esempi? La Bicycle Mill è stata adattata per alimentare un piccolo mulino per la macinazione o ancora una trebbiatrice per mais, semi di soia e caffè. O ancora il Thresher utilizzato in fase post-raccolta.

Ma la bici può essere usata anche nel quotidiano per pompare l'acqua, alimentare un frullatore, una lavatrice a pedali e per lavorare il caffè, rimuovendo il guscio esterno del chicco.

Bicifrullatore

Bicimaquina

Con sede a San Andrés Itzapa, la ong ha pensato bene di sfruttare l'energia prodotta dai pedali per innumerevoli applicazioni che altrimenti richiederebbero l'elettricità o per lavori che richiedono forza nelle mani e nelle braccia. Ma le gambe, si sa, sono in grado di fornire una potenza maggiore.

Un gioco anche per i più piccoli:

Bicipompa

Bicimaquina1

Tanti i vantaggi delle Bicimaquinas mostrati anche dal divertente video che segue: sono facili e divertenti da usare, possono essere costruite con materiali disponibili localmente e possono essere facilmente adattate oer soddisfare le esigenze della popolazione locale. Hanno anche il pregio di essere utilizzabili praticamente ovunque, sono facili da mantenere, non producono inquinamento e permettono al tempo stesso di fare sano esercizio fisico.

In Guatemala Maya Pedal ha creato un laboratorio gestito dalla gente del posto e dai volontari provenienti da tutto il mondo. Qui, oltre alla costruzione delle Bicimaquinas, viene offerto un servizio di riparazione delle biciclette usate e di vendita.

Lavoriamo anche con una serie di partner locali, ONG, cooperative agricole e produttori biologici” spiega Maya Pedal. “Stiamo rendendo i nostri disegni disponibili a livello globale, attraverso schede scaricabili con le istruzioni passo passo. Miriamo ad essere un centro di ricerca e sviluppo delle bici e una fonte di informazioni per le ONG che vogliono promuovere tecnologie di questo tipo e su piccola scala”.

La ong mette a disposizione le schede e le istruzioni per realizzare i modelli più popolari disponibili anche per SketchUp.

Potere ai pedali.

Francesca Mancuso

Foto: MayaPedal

LEGGI anche:

Wecyclers: in Africa i rifiuti vanno in bicicletta (e premiano gli abitanti)

Produrre energia pedalando: 10 modi alternativi per usare la bicicletta

Giradora, la lavatrice a pedali per soli 40 dollari

forest bathing sm

Trentino

Forest Bathing e non solo, per guarire con la natura

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram