handbike2

Andare in bici ed essere indipendenti anche se si è costretti in sedia a rotella. La novità si chiama Handbike e nasce da un'idea di Davide Stasolla, tetraplegico dal 1996 a causa di un incidente d'auto. Non una handbike qualunque ma a pedalata assistita.

Dopo le prime difficoltà l'uomo non si è dato per vinto e ha progettato e realizzato questa speciale bici. Adesso è a caccia di fondi per poterne avviare la produzione di massa.

Un mezzo di trasporto pratico, che consenta a chi ha difficoltà nel camminare di esercitare sport all'aria aperta, di socializzare, senza doversi preoccupare di distanze e asperità del terreno, spiega Davide: “Il mio obiettivo è imprenditoriale nel campo delle tecnologie assistive per le persone con disabilità, con particolare attenzione a quelle necessarie a coloro che hanno più difficoltà, i tetraplegici. Progettare e costruire dispositivi a costi quanto più contenuti possibile, perché quante più persone, abbiano accesso ad essi”.

LEGGI anche: Kenguru: l'auto elettrica per disabili

Handbike. A guardarlo sembra ad un primo impatto un sistema molto complesso. Al contrario è semplice da utilizzare. Grazie al sistema di aggancio e sgancio rapido, è possibile installarlo alla propria carrozzina manuale, in poche mosse e senza sforzi. Le impugnature sono progettate per le persone che non hanno più l'uso delle mani e non fanno uso di alcun velcro per fissare le mani.

handbike

Tutti i comandi, freno, gas e cambio, sono facilmente accessibili e possono essere azionati da movimenti di rotazione del polso. Una bici a pedalata assistita disegnata sulle esigenze dei tetraplegici e di coloro che hanno abilità fisiche minime, per consentire loro di poter avere benefici non solo nella mobilità ma anche nella salute, potendo praticare sport all'aria aperta.

I vantaggi riguardano anche le famiglie che devono seguire i familiari con queste particolari esigenze.

handbike1

“Con questa handbike, la persona disabile torna ad essere protagonista attiva della propria vita. Anche solo per raggiungere i luoghi in cui socializzare uscendo dai confini domestici” racconta l'ideatore.

Quello presentato è il prototipo e funziona al 100%. Adesso Stasolla sta cercando i fondi necessari per produrre e commercializzare il dispositivo con una sua startup “perché tutti quelli che ne abbiano necessità possano fruirne”. È possibile aiutarlo attraverso la pagina TakeOff – Handbike. Saranno necessari 50.000 euro, cifra da raggiungere entro circa 2 mesi.

E se è già possibile coltivare l'orto o nuotare negli abissi con la sedia a rotelle, andare in bicicletta sarà un gioco da ragazzi.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

La sedie a rotelle con i pannelli solari che conquista 20mila dollari

Peder Mondrup, primo campione di Triathlon su sedia a rotelle grazie al fratello gemello

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog