Toyota: vendute 2 milioni di ibride e risparmiati 11 milioni di Co2

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Oltre 2 milioni di esemplari in tutto il mondo, di cui 200.000 mila solo in Europa. Tante sono le ibride che Toyota Motor Corporation (TMC), il gruppo automobilistico che raccoglie i marchi Toyota e Lexus, ha venduto da quando nel 1997 lanciò in Giappone la “Coaster Hybrid EV“, ma soprattutto da quando nel 2000 debuttò sui mercati di tutto il mondo la “Prius”, la vera prima ibrida prodotta in grande serie.

Da allora sono passati nove anni e tre generazioni di Prius ultima della quale quella lanciata a maggio -, oltre che la HS250h, il primo modello di Lexus completamente ibrido – un periodo che è bastato a TMC per continuare ad espandere la sua gamma di veicoli ibridi arrivando a contare, ad oggi, 13 modelli venduti in circa 50 Paesi del mondo. E a risparmiare ben 11 milioni di tonnellate di CO2. Questo è infatti l’ammontare di emissioni in meno calcolato rispetto a quelle che sarebbero state liberate dal 1997 ad Agosto 2009 da veicoli a benzina di dimensioni e prestazioni analoghe.

Un traguardo raggiunto impegnandosi costantemente a promuovere l’utilizzo di veicoli ibridi che ha portato il gruppo a raddoppiare in soli due anni quello che già nel 2007 era un record assoluto: 1 milione di veicoli. Oggi questo traguardo è diventato il prossimo obiettivo perché Toyota-Lexus vuole riuscire a venderne altrettanti in un solo anno e vuole farlo il prima possibile, comunque nei primi anni della prossima decade. Ma non solo, perché la TMC non sarà contenta fino a quando non riuscirà ad introdurre la versione ibrida in ogni modello della gamma entro il 2020: questa la vera sfida del gruppo giapponese.

“La nostra tecnologia ibrida si è realmente inserita nel cuore del mercato” ha dichiarato Andrea Formica, Vice Presidente Senior responsabile Vendite & Marketing di Toyota Motor Europe. “La rapida accelerazione delle vendite è la dimostrazione della validità dei nostri sistemi full-hybrid e della loro capacità di rispondere a tutte le esigenze, dalle emissioni ridotte al comportamento stradale, alla maneggevolezza. Ora siamo impegnati ad estendere l’Hybrid Synergy Drive® ai nostri modelli di punta, rendendo tutti questi vantaggi accessibili a un fascia di clienti sempre più ampia”, ha aggiunto.

Simona Falasca

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook