©Tesla

Tesla cancella la Model S Plaid+, l’auto elettrica che prometteva più di 800 km di autonomia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tesla ha cancellato la Tesla Model S Plaid+, l’annunciato modello più potente e con la maggiore autonomia della lussuosa berlina elettrica promesso dalla Casa californiana. L’annuncio è stato dato su Twitter da Elon Musk, che ha spiegato laconicamente: «La Plaid+ è cancellata. Non ce n’è bisogno. La Plaid è già ottima». 

Sfuma così, forse per il momento, forse per sempre, la Model S da ben 837 km di autonomia, mentre rimane il listino la Model S Plaid da 628 km di percorrenza che si può già ordinare

Probabilmente a Palo Alto hanno pensato che le prestazioni molto simili tra i due modelli (velocità massima di 322 km/h per entrambe e scatto da 0 a 100 km/h da 2,1 secondi per la prima e leggermente inferiore per la seconda) non avrebbero convinto molti clienti a pagare la considerevole differenza di prezzo tra la Plaid (in Italia da 119.990 euro) e la Plaid+ (il prezzo era stato fissato in 150.990 euro) nonostante la migliore percorrenza. 

L’altra possibilità è che non siano ancora pronte le batterie ad alta densità con celle 4680 (sigla che indica semplicemente le misure: 46 x 80 mm) annunciate da Tesla sul finire del 2020, in grado di offrire una potenza 6 volte superiore e una capacità 5 volte maggiore rispetto alle attuali 2170.

A rendere la Tesla Model S Plaid così speciale è la configurazione a tre motori invece di due e la potenza di essi: complessivamente arriva a oltre 1.020 CV. 

Un gradino più in basso in termini di prestazioni ma non di autonomia c’è la Model S Long Range, che ha due motori, raggiunge una velocità massima di 250 km/h, scatta da 0 a 100 km/h in 3,2 secondi e può percorrere 663 km con una ricarica. Costa 90.970 euro. 

LEGGI anche: 

Tesla Model 3 e Model Y: adesso costano meno

Elon Musk promette 100 milioni di dollari a chiunque crei la migliore tecnologia di cattura del carbonio

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureato in Comunicazione all'Università di Siena e giornalista dal 1995, ha un'esperienza pluriennale come redattore automotive. Ha lavorato per riviste, TV e testate online specializzate di diffusione nazionale. Su greenMe.it si occupa di mobilità sostenibile e auto ecologiche
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook