Tesla: auto elettriche vegan e cruelty free entro il 2019?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le auto elettriche di Tesla potrebbero diventare vegan, eliminando le parti in pelle e cuoio. È questa la richiesta di due azionisti della società, Mark ed Elizabeth Peters, che in occasione della riunione annuale hanno invitato Elon Musk e il resto della leadership di TeslaMotors ad abbandonare i prodotti di origine animale e scegliere in alternativa materiali completamente vegan.

Secondo i due azionisti, ad esempio, gli interni delle ecologiche auto Tesla potrebbero utilizzare materiali sintetici risparmiando la vita degli animali, in linea con la filosofia green della casa automobilistica e più in generale di quella del suo numero uno, Elon Musk.

Due sono le proposte avanzate dai due azionisti: eliminare del tutto l’uso di prodotti animali entro il 2019 e diventare il primo marchio di auto cruelty-free.

“Tesla offre un’opzione vegan per i clienti che pensano che questa sia una prioritàha detto via e-mail Khobi Brooklyn, portavoce della società. “Se non vogliono il cuoio nella loro auto, il cliente potrò scegliere i sedili neri multi-pattern che hanno una finitura in pelle sintetica e anche un volante vegan su misura”.

Rivela Brooklyn che Tesla ha ricevuto qualche ordine di questo tipo. Ma non è una procedura così semplice, come ha rivelato Elizabeth Peters secondo cui suo marito Mark ha dovuto affrontare una serie di procedure complesse prima di avere una Tesla vegan come regalo di anniversario.

In questo momento, la Tesla Model S è disponibile senza sedili in pelle, ma non senza rifiniture. Per questo la coppia ha avuto molte difficoltà a ottenere un’auto del tutto vegan.

“Tesla può continuare a riempire le auto con la pelle di esseri senzienti che soffrono, un orrore indicibile”, ha aggiunto Peters, cresciuto in una fattoria con i vitelli. “O può adottare uno dei tanti interni in finta pelle utilizzati da Mercedes-Benz, Lexus, BMW e altri, che sono cruelty free”.

Purtroppo, entrambe le proposte sono state respinte. Nonostante le buone intenzioni e gli sforzi – non ultima la suite di batterie low cost per il fotovoltaico – Tesla non sembra voler optare per una soluzione cruelty free nel suo comparto auto anche se Elon Musk non si è detto contrario in futuro a lavorare su questo settore.

Per il momnto occasione sprecata.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Tesla: tra 3 anni l’auto elettrica che si guida da sola. Ma le lobby non ci stanno

Svelata la batteria di Tesla per staccarsi dalla rete usando il fotovoltaico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook