Taxi a idrogeno e auto elettriche per la mobilità di Londra 2012

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le Olimpiadi di Londra 2012 volevano essere verdi, ma non sempre il comitato organizzatore è riuscito nel buon intento . È andato bene, però – seppur con qualche piccolo problemino tecnico – il settore della mobilità, con la sua flotta di veicoli alimentati a idrogeno ed elettrici.

Così, il trasporto degli atleti, o anche semplicemente delle apparecchiature in movimento attorno al Parco Olimpico hanno inquinato davvero poco grazie al partner olimpico BMW e alla società europea HY-TEC, che hanno implementato migliaia di veicoli a zero emissioni. All’interno della flotta BMW ci sono numerose BMW della gamma Efficient Dynamics, come pure molte vetture ActiveHybrids. Ci sono anche altre 200 vetture elettriche , rappresentate da 40 e Mini E e ben 160 BMW ActiveE.

L’intera città di Londra, da parte sua, si è impegnata nel frattempo per fare tutto il possibile per ridurre le emissioni. A partire dal telelavoro dei dipendenti pubblici che saranno impiegati da casa per tutta la durata della competizione. Come dimostra anche la flotta dei classici taxi neri alimentati a idrogeno forniti da HY-TEC, in cui i motori diesel sono stati sostituiti con un motore elettrico alimentato da una cella combustibile a idrogeno. Unico problema, abbastanza imbarazzante per la nota efficienze inglese, è che all’inizio di questa settimana, la stazione di rifornimento per l’idrogeno più vicino al Parco Olimpico è stata chiusa per motivi di sicurezza.

I taxi, quindi, sono stati costretti, rivela maligna la Bbc, a percorrere 130 miglia, tra andata e ritorno, per fare rifornimento. ma c’è comunque una nota positiva: quando finiranno i giochi, l’infrastruttura elettrica realizzata in città non verrà smantellata e i londinesi potranno quindi acquistare veicoli elettrici in tutta tranquillità, con la consapevolezza che le stazioni di ricarica saranno facilmente disponibili.

Roberta Ragni

Leggi anche:

A Londra per le olimpiadi arrivano i taxi idrogeno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook