©Renault

Renault Mégane E-Tech Electric, è un piccolo SUV la nuova Mégane elettrica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si chiama ancora Mégane, un nome ormai storico per Renault (il primo modello fu lanciato nel 1995), ma la nuova Renault Mégane E-Tech Electric che è stata appena presentata al Salone di Francoforte è completamente diversa dalle precedenti. 

Intanto perché è una berlina/SUV con dimensioni compatte: misura 4,21 metri in lunghezza ed è larga 1,78 metri, con un’altezza di 1,50 metri. E poi perché adotta una nuova motorizzazione 100% elettrica dalle prestazioni interessanti che è disponibile in due versioni: da 96 kW (130 CV) e 250 Nm e da 160 kW (218 CV) e 300 Nm.

Due sono anche le versioni delle nuove batterie agli ioni di litio: da 40 kWh per un’autonomia di 300 km (norma WLTP) e da 60 kWh per un’autonomia fino a 470 km. Gli accumulatori forniti a Renault da LG si avvalgono di una nuova versione composizione chimica con tecnologia NMC (dove NMC sta per “Nickel, Manganese, Cobalto”) che comprende più nickel e meno cobalto, per una maggiore densità energetica. 

La Mégane E-Tech Electric è compatibile con tutte le infrastrutture di ricarica che erogano corrente alternata (AC): dalla presa domestica (10A/2,3 kW monofase) alla colonnina pubblica (32A/22 kW trifase), che permette di ottenere un’autonomia fino a 160 km in un’ora. In funzione delle versioni, può essere compatibile anche con le infrastrutture di ricarica che erogano corrente continua (DC) fino a 130 kW (prese combo), come le stazioni di ricarica rapida che si trovano in autostrada. Può così recuperare l’autonomia massima di 300 km in appena 30 minuti.

A seconda delle versioni può accelerare da 0 a 100 km/ in 7,4 secondi e raggiungere una velocità massima di 160 km/h. 

2021 Renault Megane E-TECH Electric-interni

Gli interni della nuova Mégane E-Tech Electric 2021 – ©Renault

Gli allestimenti sono tre: Equilibre, Techno ed Iconic, con un equipaggiamento di serie che comprende le maniglie a scomparsa che fuoriescono automaticamente quando il conducente o il passeggero del sedile anteriore si avvicina per aprire la porta e tornano nella posizione di chiusura due minuti dopo aver parcheggiato, quando l’auto comincia a muoversi oppure quando si bloccano le porte.

Dell’equipaggiamento standard sono parte anche i fari adattivi con passaggio automatico. dagli abbaglianti agli anabbaglianti, il nuovo sistema di infotaiment OpenR basato su Android OS che si usa come un tablet e l’impianto audio Arkamys (ma si può avere come optional anche l’impianto premium Harman Kardon).

Interessanti i due nuovi sistemi di sicurezza per la protezione in particolare di pedoni e ciclisti. Il sistema Rear Automatic Emergency Breaking (Rear AEB, frenata automatica di emergenza posteriore) frenata automaticamente quando il conducente effettua la retromarcia se i sensori posteriori rilevano un potenziale ostacolo, mentre l’Occupant Safety Exit avvisa l’occupante del veicolo se, quando apre la porta per uscire, si sta avvicinando un altro veicolo, una moto o un ciclista, per evitare di investirlo o farsi investire.

Molto spaziosi gli interni, i cui rivestimenti sono composti da tessuto derivato al 100% da materiali riciclati. Nel livello di equipaggiamento intermedio, anche le sellerie miste ecopelle/tessuto utilizzano tessuto 100% riciclato.

L’ambiente è inoltre reso confortevole e “salutare” dall’illuminazione di bordo a led battezzata “Living Linghts” basata sul ciclo circadiano per ottimizzare il benessere degli occupanti. L’illuminazione dell’abitacolo è diversa di giorno e di notte e cambia automaticamente. Di giorno, i colori freddi trasmettono una sensazione di alta tecnologia, mentre di notte l’atmosfera si immerge in colori caldi per un ambiente molto rilassante.

I prezzi per il mercato italiano saranno diffusi più avanti. 

LEGGI ANCHE: 

Ikea e Renault stanno davvero per lanciare la rivoluzionaria mini car elettrica che si monta come i mobili?

Chi ricorda la Renault 5? Tornerà e sarà elettrica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureato in Comunicazione all'Università di Siena e giornalista dal 1995, ha un'esperienza pluriennale come redattore automotive. Ha lavorato per riviste, TV e testate online specializzate di diffusione nazionale. Su greenMe.it si occupa di mobilità sostenibile e auto ecologiche
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook