©Federpneus

Se ancora non hai montato i pneumatici estivi hai pochi giorni per non rischiare queste sanzioni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il 15 aprile è scaduto l’obbligo di circolazione con gomme invernali nelle aree interessate dalle varie ordinanze in vigore dallo scorso 15 ottobre. C’è tempo fino al 15 maggio per effettuare il cambio da pneumatici invernali a pneumatici estivi. 

Tempo dunque di recarsi dal gommista, altrimenti si può rischiare una sanzione che va da 430 a 1.731 euro e ritiro della carta di circolazione per violazione dell’art. 78 del Codice della Strada (“Modifiche delle caratteristiche costruttive dei veicoli in circolazione e aggiornamento della carta di circolazione”).

Chi rischia e chi no

La norma del CdS non regola però nello specifico l’impiego di gomme invernali o estive, ma punisce chi circola con pneumatici di caratteristiche differenti da quelle riportate nella carta di circolazione dell’auto.

In inverno si possono infatti impiegare pneumatici invernali di codice di velocità inferiore a quello previsto dal costruttore, purché non sia inferiore a Q (160 km/h).

Se dunque l’automobilista ha optato per il montaggio di gomme invernali con codice di velocità più basso rispetto a quello riportato sulla carta di circolazione, entro il 15 maggio dovrà obbligatoriamente montare gomme con un codice di velocità uguale o superiore, altrimenti può essere multato.

Chi invece monta pneumatici invernali con codice di velocità uguale o superiore non ha l’obbligo di effettuare il cambio gomme, però farebbe meglio a farlo perché le invernali nella bella stagione si consumano prima ed hanno prestazioni inferiori alle estive.

Nessun obbligo di cambio anche per chi monta le cosiddette gomme “quattro stagioni” o “all season”, cioè quelle contrassegnate dalla sigla “M+S” di solito accompagnata dal simbolo della montagna con all’interno il fiocco di neve, che per l’appunto possono essere impiegate tutto l’anno e con qualsiasi meteo. Tutto ciò a condizione comunque che il codice di velocità non sia inferiore a “Q” e a quello relativo alle gomme M+S eventualmente presente sulla carta di circolazione. 

Le ragioni per cambiare

Oltre ad allungare la vita delle invernali ed offrire maggiore sicurezza, montare le gomme estive fa anche risparmiare carburante perché la carcassa più rigida e la mescola adatta alle temperature più alte creano meno resistenza al rotolamento. Di conseguenza a parità di velocità al motore della vettura sarà richiesta una potenza inferiore, dunque l’auto consumerà meno ed emetterà meno CO2 ed altri inquinanti.

Le norme anti-Covid per il 2021

In questo periodo di limitazioni agli spostamenti per via dell’emergenza Coronavirus è sempre consentito in tutto il territorio nazionale recarsi dal gommista per effettuare il cambio gomme, senza distinzioni tra zona gialla, arancione o rossa. 

È consigliato comunque prenotare la sostituzione telefonicamente, in modo da non creare assembramenti nelle officine. 

LEGGI anche: 

In Italia ora ci sono 600 km di strade realizzate dal riciclo di Pneumatici Fuori Uso

Nuovi pneumatici da quelli usati abbandonati. Segnala anche tu se vedi una gomma abbandonata

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureato in Comunicazione all'Università di Siena e giornalista dal 1995, ha un'esperienza pluriennale come redattore automotive. Ha lavorato per riviste, TV e testate online specializzate di diffusione nazionale. Su greenMe.it si occupa di mobilità sostenibile e auto ecologiche
eBay

Bricolage: le migliori soluzioni per organizzare al meglio i tuoi attrezzi da lavoro

eBay

I migliori accessori da avere se usi il monopattino elettrico

eBay

Come scegliere la migliore piscina fuori terra per giardino o terrazzo

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook