Oslo, in centro solo bici e pedoni. Addio alle auto dal primo gennaio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La sindaca Borgen ha annunciato lo stop totale dal 1° gennaio alle auto, anche elettriche, nel centro storico

Se è Green Capital europea per il 2019 ci sarà un motivo: Oslo è di fatti riuscita a risolvere alcuni dei problemi comuni di molte altre città europee, come l’inquinamento e il traffico, e per arrivare a ciò non ha fatto altro che elaborare piani che incentivano l’uso di biciclette e dei veicoli elettrici e ampliare ulteriormente la sua rete di trasporti pubblici.

Proprio il divieto ai veicoli di circolare nel centro della città a partire dal 2019 è una delle misure attivate per il ripristino degli spazi pubblici della città e il miglioramento degli standard di vita. Tutto questo perché la cultura norvegese è consapevole della sua ricchezza patrimoniale e anche della necessità di preservare gli spazi naturali. Motivo per cui anche la sua architettura è adattata al principio di efficienza e integrazione ambientale.

Oslo, capitale della Norvegia, ospita molte delle istituzioni culturali più prestigiose del Paese, ha una pianificazione urbanistica attentamente progettata e promuove la creazione di spazi verdi nel centro della città. Un esempio è il progetto Barcode, che comprende la costruzione di 12 edifici alti con un certo spazio tra loro, al fine di non bloccare la vista dei fiordi e facilitare l’accesso alla luce e all’aria.

Insomma, il fatto che questa città riceva un premio così prestigioso dalla Commissione europea è il risultato di anni di duro lavoro nello sviluppo di tecnologie e innovazioni green che consentono alla città di raggiungere i suoi obiettivi sostenibili. Oslo è riuscita a distinguersi da altre città come Lisbona (Portogallo), Lahti (Finlandia) e Tallinn (Estonia), grazie alla sua politica sul clima, sulla biodiversità, sui trasporti pubblici, sulla salute e sull’integrazione dei cittadini.

Un’agenda non da poco che in sostanza punta a tagliare le emissioni del 36% entro il 2020 (rispetto al 1990) e del 95% entro il 2030. Per prima cosa entro il 2020 tutti i mezzi di trasporto pubblico dovranno essere emission free, taxi inclusi.

Leggi anche

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook