OrniTwizy, l’auto elettrica per disabili creata da alcuni studenti brasiliani che ha conquistato Renault

Loro sono gli studenti dell’Università Feevale di Novo Hamburgo, nello Stato del Rio Grande do Sul, in Brasile, e il loro merito è quello di aver creato un prototipo di auto elettrica adatta a persone con difficoltà motorie. Una vera e propria sfida riconosciuta dal premio come “miglior progetto” al Twizy Contest, il concorso internazionale Renault Experience a Parigi.

Felipe Machado (Design), Jonata Rocha Fett (Ingegneria elettronica), Matheus Furlan da Silva (Ingegneria della produzione), Nickolas Augusto Both (Ingegneria elettronica) e Marco Antônio Fröhlich (Laurea in ingegneria meccanica e Master in materiali e tecnologia dei processi industriali), si sono messi in testa un unico obiettivo “risolvere la difficoltà degli utenti su sedia a rotelle”.

Ed è così che, laddove la sostenibilità ambientale si è unita a quella sociale, è nata la OrniTwizy, è così che si chiama l’auto elettrica dei giovani brasiliani, che si è aggiudicata a giusta ragione ben tre categorie del contest: Best Innovation, Best Cost Analysis e Business Model.

Il progetto

OrniTwizy è un’auto elettrica progettata per le persone con difficoltà motorie. È un veicolo per due persone piccolo e leggero che utilizza solo energia elettrica. Il team ha creato un sistema per consentire all’utente su sedia a rotelle di noleggiare l’auto tramite app.

auto elettrica disabili

Il progetto prevede che gli utenti in sedia a rotelle abbiano una tariffa ridotta e non debbano recarsi dove si troverà il veicolo. Ad esempio, sono stati mappati i punti strategici di Porto Alegre e Novo Hamburgo.

 

Le auto saranno sempre vicine alle stazioni degli autobus, all’aeroporto e alle stazioni ferroviarie. Per ora esiste solo il prototipo, ma speriamo che la OrniTwizy venga presto prodotta e commercializzata.

Grazie al premio Twizy Contest, il team di Feevale parteciperà al Consumer Electronics Show, che si svolgerà nel gennaio 2020 a Las Vegas, negli Stati Uniti.

Leggi anche:

Germana Carillo

Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Coop

L’impegno di Coop nell’emergenza coronavirus

Gewiss

Joinon: le nuove colonnine di ricarica smart che si gestiscono via app

Izanz

Quanti e quali tipi di zanzare esistono in Italia?

TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook