©Opel

Opel Vivaro-e Hydrogen, il primo furgone a idrogeno di serie in Italia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il primo furgone a idrogeno ad essere prodotto in serie si chiama Opel Vivaro-e Hydrogen: sarà lanciato in Europa ed anche sul mercato italiano entro la fine del 2021.

Si tratta del primo veicolo commerciale leggero ad arrivare sul mercato con questo genere di propulsione che promette di ampliare il raggio dei veicoli professionali a zero emissioni locali rispetto agli elettrici a batteria, penalizzati nelle lunghe percorrenze da un’autonomia limitata a qualche centinaio di chilometri.

L’Opel Vivaro-e Hydrogen può contare su un’autonomia invece superiore a 400 km, grazie alle celle a combustibile da 45 kW che alimentano il motore elettrico e caricano le batterie convertendo idrogeno in energia con vapore acqueo come unico prodotto di scarto di questo processo.

Il motore elettrico è un sincrono trifase a magneti permanenti da 100 kW con 260 Nm di coppia massima che assicura una velocità massima di 130 km/h ed un’accelerazione da 0 a 100 km/h in circa 15 secondi.

Si tratta di una tecnologia promettente, anche se al momento le stazioni di rifornimento di idrogeno scarseggiano: la nazione UE meglio attrezzata è la Germania, con 90 distributori, mentre in Francia ne sono operative 25. In Italia invece ne abbiamo in funzione solo una, a Bolzano, ma pare che a breve dovrebbe entrarne in funzione un’altra a Mestre.

Riempire alla pompa le tre bombole da 4,4 kg del Vivaro-e Hydrogen è un’operazione che impiega appena 3 minuti, un altro vantaggio rispetto ai veicoli a batteria puri, che una volta terminata la carica necessitano di almeno 30 minuti per una ricarica veloce con la tecnologia corrente.

Nel caso invece non vi fosse la possibilità di fare rifornimento di idrogeno c’è però la possibilità di ricaricare la batteria da 10,5 kWh attraverso l’apposita presa per assicurarsi altri 50 km. L’Opel Vivaro-e Hydrogen per questo motivo si definisce un veicolo a idrogeno plug-in.

La collocazione dei serbatoi di idrogeno (nel pianale) e delle batterie (sotto i sedili), non pregiudica la capacità di carico: il volume rimane di 5,3 e 6,1 m3 per una portata di 1.100 kg come tutti gli altri Vivaro, con la possibilità di scegliere tra le lunghezze 4,95 e 5,30 metri.

Rimane al momento sconosciuto il prezzo di listino, che verrà diramato più avanti. Il Vivaro-e Hydrogen verrà realizzato e commercializzato dal Gruppo Stellantis, di cui fa parte anche FCA, anche nelle versioni a idrogeno di Citroen Jumpy e Peugeot Expert.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureato in Comunicazione all'Università di Siena e giornalista dal 1995, ha un'esperienza pluriennale come redattore automotive. Ha lavorato per riviste, TV e testate online specializzate di diffusione nazionale. Su greenMe.it si occupa di mobilità sostenibile e auto ecologiche
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook